Fare la spesa senza carta di credito aiuta contro i chili di troppo

Fare la spesa senza carta di credito aiuta contro i chili di troppo

Chi tende a prender chili di troppo dovrebbe fare la spesa senza carta di credito. L’uso dei contanti, infatti, aiuta a rendersi conto dei soldi spesi ed a lasciare il carrello libero da junk
food.

Questo il monito di una ricerca della Cornell University e dell’Università di Bufalo, diretta da Manoj Thomas, Kalpesh Kaushik Desai, e Satheeshkumar Seenivasan e pubblicata sul “Journal
of Consumer Research”.

Gli studiosi hanno osservato 1.000 famiglie USA, focalizzandosi (ovviamente) sui loro acquisti e sulle modalità di pagamento. Tale osservazione ha mostrato come il denaro elettronici
stimolasse l’acquisto di junk food, mentre banconote e monete lo tenessero alla larga.

Detto altrimenti, spiegano gli sperti, esiste una relazione diretta “Tra l’insalubrità degli alimenti e l’impulsività’ del loro acquisto: cibi poco salutari tendono infatti a
suscitare reazioni compulsive”.

A salvare il consumatore arrivano così i tradizionali contanti: svuotare il portafoglio aiuta a tenere il carrello vuoto ed il peso sotto controllo. Pagare con i “fogli verdi”, ripetono
gli scienziati, rende gli acquisti “Psicologicamente più dolorosi di quelli fatti con le carte di credito”.

Per verificare tale teoria, Thomas e colleghi hanno preso le cifre dei Centers for Disease Control, 34% di adulti obesi negli Stati Uniti, e le hanno incrociate con la percentuale di pagamenti
elettronici, che nel 2006 hanno toccato il 40% del totale. Il risultato finale “Suggerisce che l’autocontrollo non è del tutto frutto di volontà, ma può essere facilitato o
impedito da fattori di contesto, apparentemente non correlati, che influenzano i sentimenti intimi delle persone”.

FONTE: Manoj Thomas, Kalpesh Kaushik Desai, and Satheeshkumar Seenivasan. “How Credit Card Payments Increase Unhealthy Food Purchases: Visceral Regulation of Vices.” Journal of Consumer
Research.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento