Fancy Food: L’Italia punta al Biologico

Fancy Food: L’Italia punta al Biologico

New York – Al salone del gusto di New York l’Italia punta sul biologico: tra 2.500 espostitori di oltre 40 Paesi, l’Italia si è confermato nazione leader alla manifestazione
alimentare più importante degli Stati Uniti.       

Dopo aver testato il mercato la scorsa edizione, FederBio, l’associazione che racchiude gli operatori della filiera dell’agricoltura biologica, ha deciso di avviare una campagna a tappeto negli
Stati Uniti per affermarsi in un settore al quale sempre più americani si rivolgono. La presenza di FederBio al Fancy Food newyorchese si è articolata su più fronti, sia
attraverso degustazione di prodotti sia attraverso seminari educativi.   

“Il crescente interesse per i prodotti organici sul mercato americano – ha spiegato Aniello Musella, direttore dell’Ice Nord-America – può offrire all’Italia tante opportunità per
far apprezzare l’alta qualità dei suoi vini e dei suoi prodotti alimentari. Nessun altro paese al mondo può offrire di più in questo settore”.   

La presenza italiana al Fancy Food ha visto la partecipazione di più di 250 espositori sotto l’egida Ice più la presenza di regioni come la Toscana, la Calabria e la Sicilia che
hanno allestito stand indipendenti. Fuori salone, invece, ‘Cibus’, la fiera internazionale di Parma, che dall’ultima edizione lo scorso maggio ha deciso di dare più spazio alla presenza
straniera, in particolare quella degli Stati Uniti.   

Dall’anno prossimo, per due edizioni, il Fancy Food andrà per la prima volta a Washington per consentire i lavori di ristrutturazione e ampliamento del Javits Center, il centro congressi
di New York. Ogni anno la manifestazione porta in città circa 40mila visitatori e offre a tutti gli operatori del settore alimentare una vetrina d’eccezione per presentare novità e
tendenze che influiranno sui gusti dei consumatori.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento