Nutrimento & nutriMENTE

Emilia-Romagna: progetto educational-fondazione toscanini

By Redazione

Bologna 23 Ottobre 2007 – Sarà allargato a molti comuni della regione il progetto Educational per la formazione musicale, sperimentato nel Parmense lo scorso anno e realizzato
dalla Fondazione Arturo Toscanini, in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, grazie al sostegno di Enti locali e sponsor privati. Il progetto sperimentale è stato creato per
avvicinare i più giovani ad una nuova comunicazione musicale, attraverso laboratori didattici sonori, culturali ed emozionali. Laboratori che si sono perfettamente integrati con le
normali attività delle scuole ed in particolare con alcune materie quali educazione musicale, storia, geografia ed italiano.

L’assessore alla cultura della Regione Emilia-Romagna Alberto Ronchi ha tracciato un bilancio sull’attività della Fondazione Arturo Toscanini: «Noi ci siamo impegnati ad aprire un
ragionamento innovativo sulla qualità della spesa e sulla diversificazione dell’offerta musicale, in un’ottica di servizio al territorio». I risultati prefissati sono stati
raggiunti sia dal punto di vista economico che della programmazione e questo progetto è la dimostrazione di un rapporto nuovo con il territorio.
L’Assessore ha inoltre sottolineato l’importanza di valorizzare le due orchestre nelle loro differenti attività, con l’obiettivo di costruire un grande progetto regionale «anche
senza faraoniche presenze, ma dando spazio ai tanti giovani di valore, con una programmazione che tocchi anche i piccoli centri e non solo le grandi città». Ronchi ha riferito
infine che «attualmente esiste una grande sintonia tra le linee di indirizzo della Regione e il lavoro della Fondazione Toscanini».

«Si tratta di un’iniziativa a cui teniamo molto – ha sottolineato il presidente della Fondazione Toscanini Maurizio Roi – e che intende promuovere la musica nel mondo giovanile, in
quell’ottica di servizio al territorio regionale che fa parte delle nostre priorità a cui accennava l’assessore».
Roi ha inoltre presentato le funzioni delle due orchestre della Fondazione. Esse, pur partendo da una base comune di professori stabili hanno compiti diversi: l’Orchestra Regionale
dell’Emilia-Romagna è dedicata alle attività di servizio al territorio e alla promozione della musica. La Filarmonica Arturo Toscanini è il grande strumento sinfonico di
valore internazionale che intende rappresentare l’eccellenza esecutiva e la tradizione musicale emiliano-romagnola.

Rosetta Cucchi, consulente artistico per le attività; sinfoniche della Fondazione Toscanini, ha illustrato la metodologia di coinvolgimento delle scuole per far partecipare attivamente i
ragazzi ai corsi, con audizioni tipo «Chorus line» per giungere alla selezione finale di coloro che si esibiranno negli spettacoli. «Sono 15mila i ragazzi coinvolti in questa
edizione – ha aggiunto Rosetta Cucchi – che si svolge in 6 province della regione, con più di 35 concerti, con nuove suggestioni culturali e musicali, quali «Music Quiz» e
«Fantasmi fra le note» oltre a due progetti speciali denominati rispettivamente «Menù rossiniani» e «Luoghi verdiani e… giochi d’orchestra».
«Un risultato – ha concluso – che ha moltiplicato i numeri della passata edizione».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: