Dieta o non dieta? Lo dicono 5 geni

Dieta o non dieta? Lo dicono 5 geni

Volontà, rispetto delle regole, pratica di esercizio fisico: sono molti gli elementi “volontari” che decidono del successo di una dieta. Tuttavia, esiste anche un fattore genetico, 5
geni che prevedono se alla fine l’ago della bilancia si sposterà verso il basso.

A dirlo, una ricerca dell’Università di Navarra (Spagna), diretta dalla dottoressa Amelia Marti e pubblicata da “The FASEB Journal”.

La squadra iberica ha condotto un’analisi in due fasi. Prima, ha esaminato il DNA di 24 adolescenti,

che avevano ottenuto i migliori ed i peggiori risultati dal programma di dimagrimento EVASYON. Dopodiché, i controlli sono stati estesi ad altri 83 adolescenti.

In base ai risultati, 5 biomarcatori decidono se alla fine, tagli alimentari ed esercizio fisico avranno come risultato la riduzione del peso.

Intervistati, gli scienziati hanno ricordato come l’obesità giovanile sia un problema che vada oltre il fisico atletico: chili di troppo da giovane sono infatti spesso spia di problemi
cardiovascolari da adulti. Perciò, conclude la dottoressa Marti, “”Questo studio è un passo in più verso un momento in cui potremo prescrivere non solo esercizio fisico e
dieta, ma anche interventi sui geni”: una sorta di super-dieta capace di aiutare i soggetti con un DNA meno favorevole.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento