Da Torino contro il mal di capo: nasce il social network Nomalditesta.it

Da Torino contro il mal di capo: nasce il social network Nomalditesta.it

Un social network, disponibile sia in italiano che in inglese, dedicato alla lotta contro mal di testa, cefalea, ed emicrania.

Questo è Nomalditesta.it, sistema iniziato a livello contenuto che oggi fa il salto di qualità informatico.

Nomalditesta.it nasce da un idea del professore Franco Mongini e dalla sua squadra del centro cefalee delle Molinette, di Torino. I medici studiano un nuovo sistema per la lotta al mal di capo,
sperimentandolo su 2300 dipendenti comunali.

Risultato, i volontari hanno mostrano un calo della frequenza mensile di cefalea e dolore cervicale e dell’assunzione di farmaci di circa il 40%.

Per questo nel giugno 2009 la procedura ha subito un primo avanzamento, entrando nel Web tramite un sito a cui potevano accedere tutti i residenti in Piemonte.

Ora, con il social network, si un ulteriore passo avanti, che gli autori definiscono “Logica espansione, in misura potenzialmente illimitata, delle precedenti iniziative”.

Il social network è dedicato a tutti gli utenti, sia ai cittadini affetti da mal di testa (o semplici curiosi) che addetti ai lavori. Il portale offre così uno spazio dove leggere
novità ed informarsi su notizie ed iniziative. Oppure, per quelli più intraprendenti, descrivere i propri problemi, confrontandosi con gli altri utenti e le loro esperienze.

Infine, degna di nota l’area riservata ai medici, che in tale spazio potranno raccogliere dati clinici o discutere delle loro ricerche. Inoltre, lo spazio metterà loro a disposizione
materiale didattico e scientifico, aggiornato progressivamente.

https://www.nomalditesta.it/

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento