Caffè, alcol e fumo: così nasce il mal di testa degli adolescenti

Caffè, alcol e fumo: così nasce il mal di testa degli adolescenti

Grandi quantità di caffè ed alcol. Poi fumo e poca (o nulla) attività fisica. Queste le cause dalla maggiore vulnerabilità degli adolescenti (14-20 anni) ai mal di
testa muscolo-tensivi ed alle emicranie.

Questa la tesi di una ricerca della Ludwig-Maximilians-Universität (di Monaco, Germania), diretta dalla dottoressa Astrid Milde-Busch e pubblicata da “Headache”.

Secondo le statistiche, il mal di testa è uno dei problemi più comuni della fascia d’età esaminata. Il mal di testa muscolo-tensivo colpisce tra il 15% ed il 25% dei
soggetti, mentre l’emicrania interessa fino al 25%.

Allora, gli studiosi hanno selezionato 1.260 studenti (tutti tra i 14 ed i 20 anni) sottoponendoli a diversi questionari. Prima, gli esperti hanno indagato sullo stile di vita: alimentazione,
attività fisica svolta, consumo di sigarette e alcol. Poi, hanno preso in esame (eventuali) mal di testa ed emicranie, specificando durata, caratteristiche dei mal di testa e i sintomi
associati.

Alla fine, il risultato ha evidenziato come consumare con frequenza alcol e caffè, fumare e fare poco sport fossero in grado di far salire la frequenza dei disturbi. In particolare,
alcol e sigarette erano all’origine sia di emicrania che di mal di testa muscolo-tensivi, mentre caffè e poco sport provocavano emicrania.

Spiega Milde-Busch: “Il nostro studio conferma che gli adolescenti che soffrono di qualsiasi tipo di mal di testa potrebbero trarre beneficio da un’attività fisica regolare e dal
moderato consumo di bevande alcoliche. Nei ragazzi che soffrono di emicrania dovrebbe essere consigliato anche uno scarso consumo di caffè”.

Fonte: Astrid Milde-Busch, Anja Boneberger, Sabine Heinrich, Silke Thomas, Anja Kühnlein, Katja Radon, Andreas Straube, Rüdiger von Kries,
“Higher Prevalence of Psychopathological Symptoms in Adolescents With Headache. A Population-Based Cross-Sectional Study”, Headache 2010,
doi:10.1111/j.1526-4610.2009.01605.x

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la
proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una
verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento