Cinque giorni controllati, due giorni di fame. E’ la dieta dimagrante 5:2

Cinque giorni controllati, due giorni di fame. E’ la dieta dimagrante 5:2

Un nuovo tipo di dieta arriva dalla Gran Bretagna: come altri regimi alimentari, raccoglie sostenitori entusiasmi ed esperti scettici.

E la dieta 5:2, pensata dal dottor Michael Mosley e sperimentata su sé stesso. Secondo il dottore, le regole base sono semplici: la settimana è divisa in due parti. La prima dura
5 giorni, dove si ha un alimentazione moderata ma completa. Non è necessario essere fiscali, solo mangiare senza ingozzarsi. La seconda, 2 giorni, si consumano cibi essenziali: il
massimo giornaliero è 500 calorie per le donne e 600 calorie per gli uomini.

Per il creatore, la dieta in questione ha numerosi pregi.

Per cominciare ,è efficace: dopo gli studi teorici e le prove pratiche, il dottor Mosley h notato come la dieta riduca il peso, (fino a -6,5 kg) sopratutto la massa corporea (25%)
migliorando le funzioni corporee. Inoltre, la dieta dimagrante 5:2 funziona dopo breve tempo, ad es: solo 5 settimane di applicazioni.

Dopo la notorietà, il medico ha dovuto affrontare le obiezioni di parte dei colleghi.

Alcuni medici vedono il digiuno forzato è sempre dannoso per il corpo umano.

Altri, più moderati, ritengono che la seconda fase (quella dei 2 giorni di alimentazione ridotta) sia difficile d’affrontare, per questo portatrice di fame incontrollata. Invece, secondo
Mosley, il problema si risolve dividendo le calorie in due pasti: lui consumava uova sode e prosciutto a colazione e pesce bollito e verdure a cena. Così controllava la fame e la
sensazione di vuoto.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento