Bulgaria. Tutti pazzi per Boza, la birra che fa crescere il seno

Bulgaria. Tutti pazzi per Boza, la birra che fa crescere il seno

In Bulgaria, è scoppiata la Boza mania: cittadini locali, affiancate da comitive di forestieri, affollano pub e locali per comprare tale birra, ritenuta in grado di far aumentare il seno
delle donne.

Lo sostiene il portale “Fox News”, che cita media locali. In base ai cronisti, Bohza nasce come cura per le donne con problemi di allattamento e poi viene riconvertita in drink con poteri (?)
speciali.

Questo a causa della lista degli ingredienti: farina, lievito ed un misterioso ingrediente che sembra avere il potere di gonfiare il petto delle signore.

Ed è tale proprietà ad aver decretato la fama del prodotto, come spiega il portavoce Kristian Gyoshev: “Non abbiamo realizzato particolari campagne pubblicitarie: centinaia di
donne dopo aver provato la nostra birra assicurano che il loro seno è cresciuto di due misure. E’ naturale, salutare, buona, e molto più economica di un intervento chirurgico”

Così, Bohza è diventata bersaglio di numerosi consumatori, a metà tra lo scherzo alle compagne la ricerca di migliorament. Come spiegano i media locali, un cittadino
rumeno, ma residente nella città bulgara di Ruse, ne ha comprato una cassa per la moglie, affermando come “Spero vivamente di vedere un miglioramento”. Ancora più intraprendente
Klaus Schmidt, proprietario di una stazione sciistica in Austria, che ha in programma spedizioni regolari per creare una scorta della bevanda. Ammette Schmidt: “Conoscevo Boza da tempo, ma era
sempre molto costosa per via delle tasse. Ora che l’imposta è stata rimossa, offrirò tale drink ai miei clienti”.

FONTE: Fox News, “Bulgarian Beer Boasts Breast-Boosting Benefits” 16/10/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento