Bologna: «L'anello forte e l'anello debole – Essere donna nella migrazione»

 

Si terrà venerdì 14 novembre (dalle 9 alle 18, sala Auditorium di viale Aldo Moro 18 Bologna) il convegno «L’anello forte e l’anello
debole: essere donna nella migrazione». La giornata, rivolta a educatori, insegnanti, operatori dei servizi sociali e sanitari, è organizzata dal servizio Politiche sociali
e per la salute della Provincia e dall’Istituzione «Gian Franco Minguzzi», con il contributo e il patrocinio della Regione Emilia-Romagna.

Il convegno si propone di offrire elementi di riflessione sulle tematiche di genere nei processi migratori, in Italia, ma anche con una prospettiva europea. Saranno
approfondite in particolare le diverse strategie migratorie delle donne, i mutamenti dei ruoli femminili e la messa in discussione dei valori tradizionali nella famiglia
migrante, i rapporti fra le generazioni e con le figure di riferimento maschili. Inoltre, saranno presentate buone prassi promosse da associazioni di donne attive in Europa sul
tema della difesa dei diritti.

Fra gli altri interverranno: l’onorevole Livia Turco, membro della Commissione Affari sociali della Camera dei Deputati e gli assessori provinciali Giuliano
Barigazzi (Sanità, Servizi Sociali, Associazionismo e Volontariato) e Simona Lembi (Cultura e Pari opportunità).

La partecipazione è libera. Non è necessaria l’iscrizione. La sede del convegno si raggiunge dal centro con l’autobus 28 e dalla stazione FS con gli autobus
10, 38, 39.

Il programma della giornata

Ore 9,00 – Saluti di apertura

Coordina:

Anna Del Mugnaio
(Dirigente Servizio Politiche Sociali e per la Salute – Provincia di Bologna)
Livia Turco
(Commissione Affari Sociali – Camera dei Deputati)
Giuliano Barigazzi
(Assessore Politiche Sociali e per la Salute – Provincia di Bologna)

Ore 10,00

Le specificità di genere nei processi migratori verso l’Italia: continuità e cambiamenti Mara Tognetti Bordogna (Professore associato di Politiche migratorie,
Università di Milano Bicocca)

Ore 10,45

Tra tradizione e modernità: mutamenti dei ruoli femminili nella famiglia migrante. Le giovani di origine maghrebina Noria Boukhobza (Professoressa presso l’IUFM di Tolosa.
Fondatrice dell’associazione Intermed: intercultura e rapporto uomo/donna nelle società del Mediterraneo)

Ore 11,30 – Pausa Caffé

Ore 11,45

Tra tradizione e modernità: mutamenti dei ruoli femminili nella famiglia migrante. Le giovani di origine sud asiatica Nazia Khanum (Direttrice di «Equality in
Diversity» – Luton – UK)

Ore 12,30

Genere, globalizzazione ed immigrazioni in Europa Saskia Sassen (Urbanista e Sociologa, Columbia University e London School of Economics)

Ore 13,15 – Pausa Pranzo

Durante la pausa proiezione di cortometraggi selezionati al concorso «Donne in Movie-ing», organizzato dalla Casa delle donne per non subire violenza di Bologna con il
contributo della Provincia di Bologna

Ore 15,00 – Riapertura dei lavori

Anna Maria Dapporto
(Assessore alla promozione delle politiche sociali e per l’immigrazione – Regione Emilia-Romagna)
Simona Lembi
(Assessora alle Pari Opportunità della Provincia di Bologna)
Sanja Basic
(Consiglio dei cittadini stranieri e apolidi della Provincia di Bologna)

Ore 15,15 – Tavola rotonda

«Percorsi di empowerment e difesa dei diritti delle donne immigrate: esperienze associative a confronto»

Coordina:

Farian Sabahi
(Giornalista RAI, Docente Università degli Studi di Torino)

Partecipano:

Sihem Habchi – Ni putes ni soumises (Francia)
Birim Bayam – Papatya (Germania)
Meena Patel – Southall Black Sisters (Inghilterra)
Tiziana Dal Prà – Trama di Terre (Italia)

ore 17,30 – Conclusioni

Silvana Contento
(Presidente Istituzione «G.F. Minguzzi»)

 

Leggi Anche
Scrivi un commento