Avere un cane protegge i bambini dalle allergie

Avere un cane protegge i bambini dalle allergie

Gli animali domestici hanno il loro peso sulle allergie dei bambini, anche se in maniera inaspettata. Se i cani proteggono i piccoli proprietari e non hanno effetti negativi, i gatti possono
aumentare il rischio di eczema.

Queste le conclusioni di una ricerca dell’University of Cincinnati e del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center, diretta dalla dottoressa Tolly Epstein, descritta dal “Daily Telegraph” e
prossimamente pubblicata sul “Journal of Pediatrics”.

Il team di Cincinnati ha esaminato 638 bambini, tutti con genitori allergici (e per questo considerati ad alto rischio).I piccoli volontari sono stati esaminati dal primo al quarto anno di
età; ogni 12 mesi venivano sottoposti ad una batteria di esami per 17 diverse allergie.

Tale indagine ha rivelato come i bimbi con un cane in casa vedevano diminuire la vulnerabilità all’eczema se l’animale domestico era presente fin dai loro primi giorni di vita.
Diversamente, se il bambino e Fido venivano tenuti lontani, “Il pericolo è risultato 4 volte più elevato”, spiega la dottoressa Epstein.

Discorso radicalmente diverso per il binomio bambini-gatti. Come sostiene la capo-ricercatrice, “I baby-proprietari sono risultati 13 volte più a rischio eczema rispetto ai coetanei
allergici che non avevano un felino in casa”. Tuttavia, puntualizza la scienziata, se i volontari non erano allergici al micio non risentivano negativamente della sua presenza.

In ogni caso, conclude la Epstein, tali risultati suggeriscono come le famiglie (specie se ad alto rischi allergie) debbano riflettere bene nel momento di scelta di un cucciolo.

FONTE: Richard Alleyne, “Pet dogs reduce allergies in children, but cats increase them”, Telegraph, 29/09/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento