Austria, pasticciere sotto accusa: fa torte naziste

Austria, pasticciere sotto accusa: fa torte naziste

Un dolcetto di marzapane con la forma dell’elmo da combattimento delle SS. Un aereo da guerra in volo. Forse più inquietante di tutti, un bambino col braccio teso e le dita unite, deciso
nel compiere il saluto nazista.

Questi sono alcuni dei dolci creati da Manfred Klaschka, pasticciere residente a Wiener Neustadt, cittadina a sud di Vienna, che hanno portato all’autore sia successo commerciale che rischi
legali. Klaschka è stato infatti denunciato dal Willi Mernyi, presidente del Comitato Mauthausen (MKÖ), associazione di sopravvissuti. Nel caso allora si arrivasse al processo,
rischierebbe una condanna severa: la legge austriaca punisce l’apologia del nazismo e la negazione, relativizzare o giustificare dell’Olocausto.

Da parte sua il pasticciere si difende, spiegando come le sue decorazioni siano puro commercio, senza nessuna velleità politica.

Anche via Web, il suo negozio è pubblicizzato come fornitore di “Speciali torte artistiche” adatte a qualunque occasione, dai compleanni alle feste tra amici. Il compratore può
personalizzare le decorazioni: il catalogo comprende donne nude, monumenti famosi, auto di lusso o (come visto) simboli politici. Il tutto rispettando “Il segreto del successo”, cioè il
binomio “Qualità e “Clienti Soddisfatti”.

Belle parole a parte, la creazione di torte del Terzo Reich è motivata da cause più concrete: la crisi economica ha ridotto le ordinazioni, spingendo i pasticcieri ad accettare i
clienti rimasti senza discutere troppo su cosa essi chiedono.

Ed il primo ad ammetterlo è lo chef incriminato, durante un intervista a Der Standard”: ” Di questi tempi dobbiamo prendere ciò che c’è. Questi simboli non li vorrei certo
sulla mia torta di compleanno.” Tuttavia, egli rivendica i diritti della clientela: “Se però piacciono al cliente le faccio; fabbricherei anche una torta con Gheddafi se qualcuno me la
chiedesse”.

Argomentazioni che non convincono minimamente i membri del Comitato Mauthausen. Il presidente i Merny è deciso contro “I dolci di Hitler” visti come ” Un esempio atroce di come
utilizzare la schifezza nazista per fare soldi”. Amareggiato l’uomo si chiede, “Come può un bambino crescere se i genitori ordinano una di queste torte per il suo battesimo?”

FONTE: “Konditorei wegen Torten im NS-Design angezeigt”, derStandard.at, 4/04/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento