Allarme Confartigianato: I ritardi di pagamento della PA costano alle imprese 1,7 miliardi l’anno

 

Nell’ambito delle misure che il Governo si appresta a varare per fronteggiare la crisi finanziaria, Confartigianato sollecita un intervento che consenta agli imprenditori di
compensare i crediti di qualsiasi natura vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione con i debiti verso la PA, a qualunque titolo dovuti.

Si tratta di una misura che crea una condizione di reciprocità tra le imprese e la Pubblica Amministrazione la quale può bloccare i pagamenti dovuti quando il contribuente
ha debiti nei confronti della PA. L’intervento sollecitato da Confartigianato dà liquidità immediata alle imprese perché non sottrae loro risorse a fronte dei
crediti vantati verso la PA.

Confartigianato invita ad imitare la Francia che, pur non avendo ritardi record dei pagamenti della PA, ha inserito tra le misure straordinarie a sostegno delle piccole imprese
l’obbligo per la Pubblica Amministrazione di rispettare il termine di 30 giorni per pagare beni e servizi forniti dalle imprese.

Secondo una rilevazione di Confartigianato, nel 2007, in Italia le imprese hanno fornito beni e servizi per un valore di 121,5 miliardi di euro alla Pubblica Amministrazione centrale ed
alle Amministrazioni locali (Comuni, Province, Regioni, ecc.).

Ma la Pubblica Amministrazione italiana è un «pessimo pagatore», tra le peggiori in Europa. Infatti, Confartigianato fa rilevare che i tempi medi di pagamento della
PA nei confronti delle imprese private fornitrici di prodotti e servizi arrivano a 135 giorni, a fronte di una durata media nell’Unione Europea che non supera i 65 giorni.

I nostri 70 giorni di maggiore attesa rispetto alla media Ue costano agli imprenditori italiani 1,7 miliardi all’anno di maggiori oneri finanziari..

Un sondaggio tra i piccoli imprenditori commissionato da Confartigianato ad Ispo conferma la gravità del fenomeno. In media, i piccoli imprenditori devono aspettare 3 mesi e
mezzo per essere pagati dalla PA. Ma per 222.000 imprese – pari al 28% di quelle che forniscono beni e servizi alla PA – l’attesa supera i 4 mesi.

Gli imprenditori, a causa dei problemi di liquidità provocati dal ritardo nell’incasso delle fatture, devono ricorrere a prestiti bancari per finanziare la loro attività.

Ora la crisi dei mercati finanziari rende ancora più grave la situazione delle imprese e – secondo Confartigianato – impone una soluzione urgente a questo cronico problema
italiano che, peraltro, è peggiorato rispetto a 13 anni fa quando la media italiana dei tempi di pagamento era di 87 giorni a fronte della media europea di 53 giorni.

«Le lunghe attese per incassare quanto dovuto dalla Pubblica Amministrazione – sottolinea il Presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini – incidono non poco
sull’attività delle aziende. I problemi diventano drammatici per le piccole imprese che si trovano strette in una morsa fatta di oneri finanziari, costi amministrativi per
disincagliare i crediti in sofferenza, perdite di tempo, oneri legali per ottenere la riscossione del credito agendo per via giudiziaria».

Tempi medi di pagamento Amministrazioni Pubbliche in Europa

Paesi / Giorni

Italia / 135
Francia / 71
Regno Unito / 48
Germania / 40

Media UE / 68

Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Intrum Justitia
European Payment Index 2008

Qual è il tempo medio di pagamento delle vostre forniture alla PA effettuate negli ultimi 12-18 mesi?

Tempo medio pagamenti / % risposte imprese

Un mese / 13.3
2-3 mesi / 58.7
4-5 mesi / 13.3
6 mesi o più / 14.7

Totale / 100
Base casi / 75
Tempo medio / 3.59 mesi

Sondaggio Ispo per Confartigianato

 

Leggi Anche
Scrivi un commento