Alitalia, Formigoni: «decisione CDA pessimo segnale»

Milano, 21 Dicembre 2007 – Sarcastico il primo commento del presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, sulle decisioni del CdA di Alitalia: «C’era forse un solo
italiano su 58 milioni – dice Formigoni – a nutrire un piccolo dubbio? Il Cda della compagnia glielo ha tolto, ha terminato il suo servizio ed ora può sgombrare il campo».

«E’ un pessimo segnale ovviamente – prosegue Formigoni – ma ora la scelta decisiva spetta al Governo e il Governo non potrà scherzare col fuoco. Se fa una scelta che penalizza
Malpensa ammazza il Nord e ammazza l’Italia. Ora credo opportuno che il Governo agisca con criteri di massima trasparenza e massima corresponsabilità per prendere una decisione che
avrà influssi di rilievo sull’intero Paese».
«Già da diverso tempo – conclude Formigoni – abbiamo chiesto che sul tema vengano sentiti Regione, Provincia e Comune. E’ opportuno che il Governo chiarisca sulla base di quali
criteri la valutazione sarà compiuta. In altri termini, la discussione sia trasparente, alla luce del sole e pubblica».

Leggi Anche
Scrivi un commento