Alcol in gravidanza, più rischio per la fertilità dei figli

Alcol in gravidanza, più rischio per la fertilità dei figli

Le donne che bevono alcolici durante la gravidanza mettono a rischio la fertilità dei figli maschi.

E’ il verdetto di una ricerca dell’Ospedale universitario di Aarhaus (sezione Dipartimento di medicina del lavoro) in Danimarca, diretto dalla dottoressa Cecilia Ramlau-Hansen.

Il team della dottoressa Ramlau-Hansen ha preso in esame 347 figli di 11.980 donne con gravidanze singole, reclutate per uno studio danese tra il 1984 e il 1987. Tali ragazzi sono stati
sottoposti (nel 2005 ed il 2006) a prelievi di sangue e sperma, mentre si analizzavano i questionari su stili di vita ed alimentazione, compilati dalle madri ai tempi della gravidanza.

E’ così emerso come coloro che avevano una madre che assumeva 4,5 alcolici a settimana avevano una concentrazione di spermatozoi di 25 milioni per millilitro. Diversamente, i figli di
madri con meno passione per gli alcolici mostravano una concentrazione maggiore, circa 40 milioni per millilitro.
In generale, i maschi più esposti all’alcol dimostravano una concentrazione di spermatozoi inferiore del 32% rispetto agli altri.

Commenta la dottoressa: “Le minori concentrazioni di spermatozoi rilevate negli uomini più’ esposti si avvicinano abbastanza all’estremità’ inferiore del range di
fertilità’ giudicato normale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità’. La probabilità’ di concepimento aumenta all’aumentare della concentrazione di spermatozoi fino a 40
milioni/ml e quindi e’ possibile che gli uomini più’ esposti siano meno fertili di quelli meno esposti”.

Inoltre, conclude la studiosa, se le successive analisi confermeranno il legame tra consumo materno di alcolici e minore quantità di spermatozoi nei discendenti maschi “Saremo o’
più’ vicini alla spiegazione del motivo per cui in questi ultimi decenni la qualità’ dello sperma potrebbe essere diminuita e perché’ si differenzia tra le popolazioni”.

Fonte: “Drinking alcohol during pregnancy may damage semen quality in sons” , European Society of Human Reproduction and Embryology 29/06/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento