Alcol e salute: per star bene non basta qualche bicchiere in meno

Alcol e salute: per star bene non basta qualche bicchiere in meno

Alcuni scienziati sostengono che una moderata assunzione di alcol protegge il cervello, rallentando usura e declino. Ciò è vero, ma per ottenere benefici di salute a questo deve
essere associato uno stile di vita globalmente positivo.

A dirlo, una ricerca della dottoressa Cinzia Maraldi (dell’Università di Ferrara) pubblicata dall'”Journal of the American Geriatrics Society”.

La squadra della dottoressa Maraldi ha esaminato 3000 soggetti, focalizzando l’attenzione sulle loro abitudini di vita alimentari e non. E’ stato così scoperto come, per fornire
vantaggi, la moderazione con l’alcol doveva essere associata ad un buon livello d’istruzione, un adeguato peso corporeo ed un reddito sufficiente.

Spiega la dottoressa Maraldi: “Negli ultimi anni il rapporto tra assunzione di alcol e conseguenze per la salute ha acquisito una crescente attenzione, ma mentre ora c’è un notevole
consenso sul fatto che il consumo moderato di alcol abbia uno specifico effetto benefico sul rischio di malattie cardiovascolari, i risultati riguardanti i benefici del consumo di alcol su
altri fattori correlati alla salute sono meno convincenti”.

Se infatti ad una prima occhiata può sembrare che l’assunzione regolare e moderata di alcol sia una panacea, “A livello globale, questi risultati suggeriscono che l’effetto protettivo
riportato dalla moderata assunzione di alcol sulle prestazioni fisiche può essere solo apparente, perché la vita le caratteristiche legati agli stili sembrano essere il fattore
reale di questa associazione e suggeriscono cautela nell’attribuire un beneficio diretto dalla moderata assunzione di alcol sulla capacità funzionali”.

In conclusione, quindi, sono necessarie campagne d’informazione che spingano ad adottare stili di vita globalmente sani.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento