Mala movida: l’happy hour induce all’alcolismo

Mala movida: l’happy hour induce all’alcolismo

Divertimento a caro prezzo. L’happy hour ed iniziative simili “consigliano male” i giovani, spingendoli ad assumere troppi alcolici ed indirizzandoli verso l’alcolismo.

Lo sostiene una ricerca dell’ Università della Florida, diretta dal dottor Ryan O’Mara e pubblicata da “Alcoholism: Clinical and Experimental Research”.

Gli studiosi si sono appostati fuori dai bar della zona universitaria per quattro sere di fila, intervistando i ragazzi sulle modalità della loro bevuta e sottopondendoli al test del
palloncino, arrivando a calcolare il costo del grammo in alcol.
Essi hanno così scoperto come se i drink sono scontati, i giovani bevono di più e si espongono a un maggior rischio di intossicazione da alcol; se gli alcolici sono a prezzo
pieno, i ragazzi li acquistano lo stesso ma si moderano, se non altro per non svuotarsi del tutto le tasche.

Insomma, le politiche di prezzi bassi e bere per tutti (come quelle effettuate da pub e locali in Italia, he offrono l’happy hour, gli alcolici scontati in orari ben precisi) fanno bene ai
commercianti, ma non alla salute.

Commenta il dottor O’Mara: “Vorremmo che i gestori dei bar capissero che ribassare i prezzi non è una scelta opportuna per la salute pubblica. Molti affermano che gli sconti sono una
politica necessaria perché altrimenti i ragazzi non consumerebbero, ma non è così: i dati raccolti indicano che gli studenti acquistano anche drink un po’ più cari
e, se pagano un po’ di più per ciascuna bevuta, si auto-limitano e hanno meno probabilità di ubriacarsi”.

Sulla stessa linea di pensiero il dottor John Clapp, direttore del Center for Alcohol and Drug Studies dell’università di San Diego: “Il fatto che all’aumento dei prezzi si associ un
minor rischio di intossicazione da alcol è plausibile: è vero nella popolazione generale, a maggior ragione fra i più giovani che in genere hanno disponibilità
economiche limitate. Per questo i listini dei bar frequentati dai ragazzi contano eccome”.

Morale della favola: più caro costa il bere, meno si beve. E meno si beve, meglio si sta.

Conclude così il dottor O’Mara:”Tutte le politiche che possano disincentivare il bere, compreso il no agli sconti sugli alcolici nei locali frequentati dai ragazzi, dovrebbero essere
prese in seria considerazione”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento