Accendere il gene P11 per spegnere la depressione

Accendere il gene P11 per spegnere la depressione

Colpire un gene per sconfiggere la depressione. Attivando il gene P11, il cervello diventa più recettivo alle sensazioni di benessere ed appagamento, e quindi più corazzato contro
il male di vivere.

Questa la prospettiva di una ricerca del New York-Presbyterian Hospital e del Cornell Medical Center, diretta dal dottor Michael Kaplitt e pubblicata su “Science Translational Medicine”.

Gli studiosi hanno messo sotto osservazione il gene P11; questo è legato ad una proteina con lo stesso nome, responsabile dei recettori della serotonina. Se questi non funzionano, il
cervello diventa meno in grado di provare umore positivo e serenità.

Analisi condotte sul cervello di soggetti depressi deceduti hanno una carenza di proteina P11 nel nucleo accumbens, regione deputata alla ricezione di piacere ed appagamento.

Per fare chiarezza, sono stati condotti esperimenti con topi di laboratorio. Gli studiosi hanno osservato come, spegnendo il gene nel cervello, le creature erano colpiti dall’equivalente della
depressione umana. Successivamente, il gene è stato riattivato tramite terapia: le creature ritornavano ad essere felici.

Dunque, sostongono il dottor Kaplitt e colleghi, un analogo trattamento (cioè non necessariamente una terapia genica) potrebbe aiutare i pazienti umani a superare la depressione. Per
provarlo, sono previsti a breve esperimenti su volontari umani.

FONTE: Brian Alexander, Jennifer Warner-Schmidt, Therese Eriksson, Carol Tamminga, Margarita Arango-Llievano, Subroto Ghose, Mary Vernov1, Mihaela Stavarche, Sergei Musatov, Marc
Flajolet, Per Svenningsson, Paul Greengard3 and Michael G. Kaplitt, “Reversal of Depressed Behaviors in Mice by p11 Gene Therapy in the Nucleus Accumbens”, Sci Transl Med 20 October 2010: Vol.
2, Issue 54, p. 54ra76 ,DOI: 10.1126/scitranslmed.3001079

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento