Zuccheri più carboidrati, ed i denti vanno KO

Zuccheri più carboidrati, ed i denti vanno KO

Se volete un sorriso smagliante lasciate stare alimenti con zuccheri e carboidrati. Insieme, tali elementi agiscono come “turbo dei batteri”, portando alla corrosione dei denti.

Questa l’opinione di una ricerca dell’Università di Rochester (sezione Medical Center), diretta dal dottor Hyun (Michel) Koo e pubblicata su “PloS ONE”.

Gli scienziati ricordano come, alla base del problema, vi siano batteri pericolosi, ad es: lo Streptococco. Tali batteri iniziano il loro attacco creando la placca, sorta di avamposto
fortificato fatto da molecole, dette glucani. Dalla base, i patogeni cercano qualcosa che possa agire come carburante, al fine di produrre una sostanza acida che corrode lo smalto dei denti.

Allora, la squadra di Rochester ha esaminato il genoma di 300 batteri, al fine di scoprire le loro preferenze. Tramite analisi, è così emerso come la combinazione di zuccheri e
carboidrati consentisse ad alcune proteine-chiave dei batteri una maggiore attività. Di conseguenza, essi producevano glucani più resistenti e in maggiore quantità,
risultando più insidiosi per l’igene orale.

Secondo il dottor Koo, “Lo studio dimostra come la cooperazione di amido e zucchero possa causare la carie”. Per ridurre il rischio di problemi, il ricercatore consiglia così di “Lavare
i denti subito dopo aver mangiato”.

FONTE: Marlise I Klein, Lena DeBaz, Senyo Agidi, Herbert Lee, Gary Xie, Amy H-M Lin, Bruce R Hamaker, José A Lemos, Hyun Koo Marlise I. Klein Lena
DeBaz Senyo Agidi Herbert, “Dynamics of Streptococcus mutans Transcriptome in Response to Starch and Sucrose during Biofilm Development”, PLoS ONE: Research Article, published 19 Oct 2010
10.1371/journal.pone.0013478

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento