Troppo fluoro, ed i bambini sono colpiti da fluorosi

Troppo fluoro, ed i bambini sono colpiti da fluorosi

I bambini, possono assumere elevate quantità di fluoro, che provoca la fluorosi mite. Tuttavia, questa non è negativa e può avere anche effetti positivi.

Questa la conclusione di una ricerca diretta dal dottor David G. Pendrys e pubblicata su “The Journal of the American Dental Association”.

Gli studiosi hanno iniziato il lavoro spinti dall’emergere sui media di numerosi clasi di fluorosi, che hanno suscitato sgomento e preoccupazione nell’opinione pubblica.

Come ricordano i medici, la fluorosi mite è un problema caratterizzato da striature bianche o linee appena percettibili sullo smalto dei denti dei bambini. Alla sua origine, vi è
l’assunzione di elevate quantità di fluoro, tramite cibi, bevande e supplementi, da parte di soggetti sensibili, bambini di età compresa tra i 3 ed i 36 mesi.

Riguardo a tale fenomeno, l’allarmismo è fuori luogo: secondo il dottor Pendrys, “Quasi tutti i casi di fluorosi nei partecipanti allo studio erano miti. Una recente analisi degli
effetti della fluorosi dentale lieve sulla salute orale e la correlata qualità della vita è arrivata alla conclusione che l’effetto della fluorosi lieve non è stato
negativo e potrebbe anche essere favorevole”.

Allora, sulla base delle evidenze, i ricercatori concludono che, pesando vantaggi e svantaggi, i bambini dovrebbero usare prodotti a base di fluoro, poiché possono prevenire la carie e
non influiscono negativamente sulla qualità della vita.

FONTE: David G. Pendrys, Ola Haugejorden, Asgeir Bårdsen, Nina J. Wang, and Finn Gustavsen, “The Risk of Enamel Fluorosis and Caries Among
Norwegian Children: Implications for Norway and the United States”, J Am Dent Assoc 2010 141(4): 401-414.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento