Zaia: Il prosecco un esempio del Made in Italy nel mondo

Zaia: Il prosecco un esempio del Made in Italy nel mondo

 

“Se esiste un fenomeno dell’agroalimentare italiano lo dobbiamo al mondo dei contadini e al mondo della comunicazione. Il Prosecco DOC e gli spumanti italiani sono oramai una
risposta competitiva allo champagne.” Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia a conclusione della Conferenza stampa nella quale è
stata presentata ufficialmente a Roma l’edizione della Primavera del prosecco Doc 2009, una delle più articolate rassegne enogastronomiche del Veneto che da quest’anno
ha un legame importante con la Capitale.

 Presenti alla conferenza stampa inoltre Giovanni Follador, Presidente del Comitato Organizzatore, Marco Prosdocimo, Assessore all’agricoltura della Provincia di Treviso,
Nazzareno Sacchi, Presidente della Fipe Confcommercio di Roma, Claudio Nardocci, Presidente Nazionale dell’Unpli. La conferenza stampa è cominciata con la
presentazione della nuova madrina della Primavera del Prosecco Doc 2009. Si tratta, come già preannunciato, dell’annunciatrice Rai, già Miss Cinema 2006, ventunenne
opitergina, Elisa Silvestrin.

“Il ringraziamento va ai produttori che rendono possibile anche la Primavera del Prosecco e a tutti i comunicatori che aiutano e sostengono il Made in Italy – ha
sottolineato il Ministro, Luca Zaia – Per quanto riguarda la strada verso la riserva del nome stiamo lavorando per arrivare a siglare l’accordo al Wto per ottenere la tutela
internazionale. Ci sarà l’allargamento della zona di produzione, ma chiederemo anche il riconoscimento della Docg. Una cosa certa è che quando otterremo la riserva e
la tutela della zona di produzione esclusiva per il Prosecco potremo garantire la qualità espressa dai nostri produttori e difenderci meglio dal prodotto tarocco che circola in
tutto il mondo. Ricordiamo che su 10 prodotti spacciati come Made in Italy solo uno lo è effettivamente. Per quanto riguarda la Primavera del Prosecco DOC posso dire che è
uno dei primi veri esempi di marketing territoriale ”. 

Il Presidente, Giovanni Follador, si è detto onorato e grato per questa possibilità: “Consideriamo questa presentazione un trampolino di lancio straordinario per il
nostro territorio e siamo grati anche alla Fipe di Roma per aver sposato la nostra iniziativa”. Al Ministero, infatti, la Primavera del Prosecco DOC 2009 ha siglato
l’accordo con la Fipe Confcommercio Roma per promuovere in un pregevole pacchetto di ristoranti del centro storico romano, e non solo, la Primavera del prosecco DOC 2009.
Verrà fatto con un brindisi simultaneo il 21 marzo prossimo, primo giorno di primavera. Si degusterà il Prosecco dei Campioni che hanno vinto il Gran premio della
Primavera del Prosecco DOC 2008. Al Ministro Luca Zaia è stata consegnata una magnum di Prosecco della scuola enologica di Conegliano (Tv). 

Leggi Anche
Scrivi un commento