Workshop “Sicurezza Alimentare: Anno Internazionale della Quinoa”

Workshop “Sicurezza Alimentare: Anno Internazionale della Quinoa”

Il Foro Euro-Latinoamericano della Donna è stato invitato dall’Assemblea Parlamentare EuroLatinoamericana a dare opinione sui Progetti di Risoluzione e Progetti di Proposta che si trovano
in discussione nelle differenti Commissioni di questa Assemblea. La “Sicurezza alimentare da una prospettiva Unione europea-America Latina e Caraibi” è uno di questi.

La Commissione per gli affari economici, finanziari e commerciali dell’Assemblea Parlamentare EuroLat si occupa della sicurezza alimentare da una prospettiva biregionale. Il Documento di
Lavoro segnala che la sicurezza alimentare, negli ultimi decenni, è divenuta una questione predominante nell’agenda internazionale, trasformandosi in una delle preoccupazioni e delle
sfide principali per tutti i paesi. Infatti, la situazione della produzione e distribuzione degli alimenti nel pianeta presenta sfide di grande importanza per le quattro colonne della sicurezza
alimentare: disponibilità, accesso, consumo e utilizzo biologico.

In questo contesto la quinoa costituisce una coltivazione strategica per contribuire alla sicurezza e alla sovranità alimentare per via delle sue qualità nutrizionali, la
sua ampia variabilità genetica, la sua adattabilità e il suo basso costo di produzione.

La coltivazione della quinoa si presenta come un’alternativa per la produzione proprio per quei paesi che hanno limitazioni nella produzione di alimenti, e dunque, sono obbligati a importarli o
ricevere aiuto alimentare. È una delle coltivazioni più antiche della regione Andina (7000 anni), addomesticata e conservata dalla la cultura Tiahuanacota e Incaica, è
stata utilizzata nella dieta delle popolazioni delle zone più alte (superiori ai 3500 m).

La quinua ha più di tremila varietà o ecotipi coltivati come silvestri che si riassumono in cinque categorie basiche secondo il grado di altitudine; livello del mare, degli
altipiani, delle valli inter-andine, dei Salar e degli Yungas. I principali produttori sono la Bolivia, il Perù e gli Stati Uniti nonostante la coltivazione si stia espandendo in altri
continenti. La regione Andina, in particolare le rive del Lago Titicaca (dal punto di vista della variabilità genetica), può essere considerata come il centro dell’origine della
quinoa dovuto alla sua diversità e alle ampie zone di coltivazione che realizzarono le popolazioni Andine.

Seguendo la Risoluzione delle Nazioni Unite che ha dichiarato l’Anno Internazionale della Quinoa 2013 desideriamo contribuire a migliorare la conoscenza e la diffusione di questa coltura
millenaria che comporta un importante valore strategico per la Sicurezza Alimentare e Nutrizionale dell’Umanità e formare un’opinione sul tema che ci interessa.

Programma

15:00 Saluti di Benvenuto
Bruno Marasà, Ufficio d’informazione a Milano del Parlamento europeo
Ramiro Silva Delgado, Console Generale del Perù a Milano

15:30 Isabel Recavarren, Cefial-UE, Foro EuroLartinoamericano delle Donne

Presentazione del Documento di lavoro della Commissione per gli affari economici, finanziari e commerciali dell’Assemblea EuroLatinoamericana

16:00 Presentazione del Video “La Quinoa”

16:10 José Roberto Alulima Gordillo, Segretario Tecnico, Fondo Indígena , Bolivia

El aporte de los Pueblos Indígenas al mundo

16:40 Rómulo Francisco Loayza Castro, Agronomo, Perú
La Quinua Ancestral Cultivo Andino, Alimento del Presente y Futuro

17:10 Liana Castaldo, Rapresentante di Le pentole Fiorite
La Quinoa: produrre cosmetici naturali

Domande del pubblico

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento