Viognier, uno “champagne italiano” firmato Carpené Malvolti

Conegliano – Blu come l’acqua del fiume in cui si specchia il vitigno da cui ha origine e gialla come i raggi del sole che lo riscaldano, ecco come si presenta l’etichetta del
Viognier, l’ultimo nato di Casa Carpené per la linea «L’Arte Spumantistica», un packaging d’impatto che racconta in questi due colori la sua storia.

Una storia che ci riporta indietro di quasi duemila anni, nel 218 d.C. quando l’imperatore romano Probus portò per primo dalla Dalmazia fino alla Valle del Rodano questa vite molto
particolare, difficile da coltivare per la sua sensibilità alle rese di produzione. Fino alla fine degli anni Sessanta la sua coltivazione è stata limitata a due
«appellations»: la Condrieu e la Chateau Grillet. L’apprezzamento per questo vitigno nel panorama internazionale ha nel tempo portato alla sua diffusione anche al di fuori della
Valle del Rodano, per arrivare fino in Languedoc, California, Canada, Australia e Italia.
Amante dei terreni poveri, secchi e ciottolosi, raggiunge la maturazione all’inizio di settembre.

Il Viognier si presenta come un vitigno a bacca bianca, apprezzato e riconosciuto a livello internazionale per la sua rarità, l’eleganza e l’originalità dei suoi frutti.
Un profumo intenso e persistente di albicocca, scorze di cedro, mandorla fresca e noce moscata accompagnano un gusto pieno, avvolgente, equilibrato, secco e complesso.
Basta un sorso di Viognier per sentire note fresche e fruttate con grandi equilibri di importante espressione aromatica, gusto secco, vellutato, persistente e prolungato.

A enfatizzarne le caratteristiche aromatiche e migliorarne le performance a livello di profumi e sapori è la fermentazione naturale, che avviene in Cuve Close.

Il Viognier di Carpené Malvolti è una delle prime espressioni del vitigno – noto a livello mondiale – nella versione spumantizzata con metodo Charmat. Carpené ha voluto
intraprendere questo percorso per diffondere e valorizzare le qualità di questo particolare vitigno anche in Italia.

La gradazione alcolica di questo spumante Brut è di 12 gradi e si presta alla degustazione, così come alle occasioni di consumo celebrative, all’aperitivo ricercato o come
accompagnamento di pietanze di potenza, grazia e semplicità come piatti speziati – in particolari al curry, insalate fresche di pasta o riso e pesce grigliato, mousse di salmone,
ratatouille.

Con questa nuova proposta, Carpené Malvolti intende offrire ai mercati una nuova opportunità per avvicinare le nuove generazioni al consumo di vini spumantizzati dotati di
struttura e finezza con sensazioni aromatiche piacevolmente naturali.

Leggi Anche
Scrivi un commento