Vino, pochi bicchiere combattono la depressione

Vino, pochi bicchiere combattono la depressione

Vino: se pochi bicchieri a settimana riducono il rischio di depressione, un consumo elevato la favorisce.

A dirlo, una ricerca dell’Università di Navarra (Spagna), diretta dal dottor Miguel Martin-Gonzales e pubblicata su “BMC
Medicine Journal”
.

Gli scienziati hanno esaminato 5.000 volontari, 55-80 anni, valutando possibili legami tra dieta e salute.

E’ allora emerso il legame tra dieta e benessere psichico: chi beveva in maniera moderata (5 a 15 grammi, circa 2-7 bicchieri a settimana) vedeva il rischio di depressione ridotto (-32%)
rispetto a coloro che non bevevano.

Se però il vino era assunto in dosi elevate, il malessere psicologico aumentava.

Per Martin-Gonzales e compagni, a far la differenza è il bilanciamento tra antiossidanti ed alcol, entrambi contenuti nel vino: a dosi elevate, i primi fanno la differenza, stimolando il
buon andamento del cervello. Se però le dosi aumentavano, il loro effetto spariva e toccava all’alcol fare la differenza per la psiche.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento