Vinitaly: “Thank you driver”

Vinitaly: “Thank you driver”

Per il secondo anno Allegrini investe nel bere vino responsabilmente. 
La vocazione verso la qualità e l’innovazione ha spinto l’azienda a ripetere un’iniziativa, lanciata lo scorso anno al Vinitaly, cui hanno già aderito oltre 100 ristoranti su
tutto il territorio nazionale.
“C’è ancora molto da fare – afferma Marilisa Allegrini – soprattutto da parte delle Istituzioni. Crediamo che il vino debba essere conosciuto e promosso anziché demonizzato. Noi, da
privati e da produttori, abbiamo dato il nostro contributo. Il gradimento da parte dei nostri clienti ristoratori ci ha convinti a proseguire e a potenziare l’iniziativa”.

La formula è semplice. Alla fine del pasto il ristoratore offrirà al commensale driver che avrà rinunciato a bere, dimostrando senso di responsabilità e attenzione per
la sicurezza, una bottiglia di formato speciale: Palazzo della Torre, grande cru della Valpolicella Classica, oppure, da quest’anno Solosole, il Vermentino di Bolgheri, che ha ormai
conquistato anche i consumatori d’oltreoceano e sta entusiasmando i critici newyorchesi.
Un risarcimento che premia la scelta di rimandare il piacere del bere al dopo guida viene proposta a chi ordina uno dei vini dei tre marchi del gruppo, Allegrini, Poggio al Tesoro, San
Polo.

“Ci piace far bere anche chi guida. Dopo. Thank you, driver. Firmato Allegrini”.
Un calice vuoto in mezzo ad altri pieni è l’immagine scelta per comunicare l’iniziativa ed attirare l’attenzione verso il bere responsabile.
La strada intrapresa da Allegrini è una novità assoluta in Italia, un modo concreto e molto efficace di comunicare in un momento in cui la discussione sulla regolamentazione
è ancora molto “accesa”.

Leggi Anche
Scrivi un commento