Una serata con le mani in pasta

Una serata con le mani in pasta

E’ da sempre la regina della cucina italiana ma, quando si parla di quella fresca, la migliore espressione è certamente in Emilia. Stiamo parlando della pasta, che il 25 marzo al
Rigoletto di Reggiolo, diverrà “d’autore”. Verrà, infatti, presentato il libro di Roberta Schira  La pasta fresca e ripiena – tecniche, ricette e storia di un’arte antica,
libro che spiega a esperti e neofiti della cucina i segreti di una specialità tutta italiana.   La pasta fatta in casa, è, secondo la Schira, “Un divertimento gustoso,
terapeutico e alla moda”.

 

Fra tutti i territori della gastronomia italiana, quello della pasta fresca e ripiena è probabilmente il più vasto. L’alimento che è tra i simboli e le bandiere della
nostra cultura della tavola conta, infatti ,tante tipologie, varietà, declinazioni quante sono le regioni e le città. In Emilia la tradizione della pasta fresca e ripiena è
davvero un”cult”.

Roberta Schira, scrittrice e critica gastronomica, ha tentato la prima codifica sistematica di tutti i formati di pasta fresca e ripiena d’Italia in un curioso libro che racchiude ben 250
ricette tradizionali o innovative. Da oltre dieci anni, Roberta Schira si occupa inoltre delle connessioni tra cibo, costume e psiche, tema che Il Rigoletto ha affrontato, per la prima volta,
nel mese di novembre con l’incontro Tra cibo, psiche e neuroscienze”.

 

Il menù, studiato per l’occasione dal Rigoletto, proporrà agli ospiti:

La primavera nei cappellacci

Ravioli di Burrata, favette pesto leggero, tuorlo d’uovo croccante

Tortelli di pomodoro salsa di mozzarella di bufala

Agnolotti di mortadella, burro al pistacchio e tartufo nero

Cannelloncino di coniglio tapenade di oliva succo di uvetta, finocchietto e agrumi

 

Oltre che gustare un menù “d’autore”, ai partecipanti verrà  omaggiato un libro.

Leggi Anche
Scrivi un commento