Una proteina anti artrite reumatoide contrasta l’Alzheimer

Una proteina anti artrite reumatoide contrasta l’Alzheimer

L’artrite reumatoide provoca infiammazione nel corpo del malato; per combatterla, viene usata la proteina Gm-Csf. Tuttavia, tale proteina può essere impiegata anche nel contrasto
all’Alzheimer.

Lo afferma una ricerca dell’University of South Florida, diretta dal professor Huntington Potter e pubblicata sul “Journal of Alzheimer’s Disease”.

Gm-Csf (nota con il nome commerciale di Leukine) attacca le sostanza nocive responsabili del gonfiore tipico della malattia. Osservando tale azione, il professor Potter e colleghi hanno notato
come i soggetti trattati con Leukine mostrassero meno resistenza al declino cognitivo.

Allora, Gm-Csf è stata messa alla prova su cavie animali, topi colpiti da problemi di memoria simili a quelli causati dall’Alzheimer. L’osservazione ha mostrato come la proteina
riducesse del 50% le placche di amiloide beta, responsabili della maggiore viscosità dei segnali nervosi e primo segnale dell’Alzheimer. Leukine era infatti in grado di attivare i
macrofagi, cellule spazzino del sistema immunitario, che ripulivano l’organismo dalle scorie metaboliche, comprese quelle di cervello e sistema nervoso: alla fine, i topi malati presentavano
assenza di sintomi ed una riduzione del 50% delle placche.

Inoltre, anche somministrata a topi sani, la proteina Leukine ha migliorato le loro facoltà cognitive.Quindi, conclude il professor Potter, “Il prossimo passo sarà testare la
proteina sui pazienti come potenziale trattamento per l’Alzheimer”.

Fonte: Tim D. Boyd, Steven P. Bennett, Takashi Mori, Nicholas Governatori, Melissa Runfeldt, Michelle Norden, Jaya Padmanabhan, Peter Neame, Inge Wefes, Juan Sanchez-Ramos, Gary W.
Arendash, Huntington Potte, “GM-CSF Upregulated in Rheumatoid Arthritis Reverses Cognitive Impairment and Amyloidosis in Alzheimer Mice”, JAD Volume 21, Number 2, August 2010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento