Un milione e mezzo di euro per i vigili di prossimità nel Lazio

Roma – La giunta ha dato il via alla delibera che stabilisce «criteri e modalità per rendere operativi i ‘vigili di prossimità’ nei comuni che hanno articolato il
proprio territorio in circoscrizioni di decentramento – Roma, i suoi Municipi e alcuni comuni capoluogo».

Il finanziamento di 1,5 milioni di euro, già approvato dal Consiglio regionale con la Finanziaria 2008, prevede 10mila euro per ogni unità.

Per Roma sono previste 100 unità «per un massimo di 1 milione di euro» – ha detto l’assessore agli affari istituzionali e sicurezza Daniele Fichera – «e per gli altri
comuni del Lazio 50 unità per 500 mila euro». I vigili di prossimità «avranno il compito di migliorare la qualità del controllo sul territorio, promuovere la
vivibilità urbana e l’ascolto dei cittadini tramite diverse azioni.

«La scelta di sostenere progetti che i comuni presenteranno per potenziare i «vigili di prossimità» – ha detto il presidente Marrazzo – «è affrontare i
problemi della sicurezza attraverso il contrasto del racket dell’abusivismo commerciale e del degrado urbano; del recupero e tutela dei minori coinvolti nell’accattonaggio; la vigilanza presso
le scuole e altri spazi di aggregazione pubblici; la salvaguardia delle fasce più deboli, situazioni di disagio, mediazione dei conflitti e la sicurezza stradale».

Leggi Anche
Scrivi un commento