Bertolini: «Il braccialetto elettronico per le donne è ridicolo ed offensivo»

«Quella del braccialetto elettronico per l’autodifesa delle donne e’ una proposta ridicola ed offensiva, l’immigrazione clandestina ed i criminali senza scrupoli si combattono con il
rigore e la fermezza non certo con le trovate bislacche e pasticciate di Rutelli».

Lo ha affermato Isabella Bertolini, eletta in Emilia Romagna nel Popolo della Libertà, che ha osservato: «Il Paese ma soprattutto le città amministrate dalla sinistra sono
infestate da campi rom, da centinaia di migliaia di extracomunitari clandestini, dal degrado, dalla sporcizia, dall’illegalità. La sinistra ha sacrificato gli interessi del Paese e la
sicurezza dei cittadini sull’altare di un modello di integrazione falsamente e pericolosamente inclusivo. A rimetterci le penne sono stati gli italiani abbandonati al loro destino e sempre
più terrorizzati dal pericolo permanente nel quale sono costretti a vivere.

Adesso il Governo del Pdl sarà obbligato a gestire l’emergenza sicurezza usando il pugno di ferro. Piu’ Cpt per la gestione e l’espulsione dei clandestini, più risorse e mezzi per
le forze dell’ordine, moratoria contro l’ingresso dei rumeni neocomunitari, certezza della pena, inasprimento della Bossi-Fini e revisione della legge Gozzini: queste le nostre ricette per
uscire dal caos che ci ha lasciato in eredità la sinistra di Prodi, Veltroni e Rutelli».

Leggi Anche
Scrivi un commento