Un microchip nel cervello contro la paralisi

Un microchip nel cervello contro la paralisi

Un microchip installato nel cervello di chi è rimasto vittima di un incidente. Tale chip supporterebbe il cervello, trasmettendo i comandi agli arti bionici usati per sostituire quelli
naturali, amputati dopo la disgrazia.

E’ quanto ipotizza una ricerca dell’Università di Leicester (Gran Bretagna) diretta dal professor Rodrigo Quian Quiroga e descritta dal “Telegraph”.

La squadra del professor Quiroga ha già ottenuto buoni risultati coi test su cavie animali (scimmie), che gli hanno fatto riconoscere nuovi fondi per continuare il lavoro.

Questi soldi saranno necessari perché, spiega l’esperto, la ricerca è ancora incompleta. Obiettivo finale è infatti un set chip wireless- arti artificiali. Il chip
sarà impiantato nel cervello e farà da medium tra i comandi di movimento e braccia e gambe meccaniche.

Al momento, il gruppo di lavoro sta cercando un modo per convogliare le migliaia d’impulsi elettrici inviati/ricevuti dal cervello e che il danno alla colonna ha interrotto.

Come spiega il capo-ricercatore, “E’ una quantità’ enorme di dati e la larghezza della banda disponibile non e’ sufficiente'”.

Fonte: “Brain chips could help paralysed patients”, Telegraph, 04/07/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento