Turismo: Con Gattinoni uno sguardo al turismo del domani

Turismo: Con Gattinoni uno sguardo al turismo del domani

In Provenza e più precisamente al Club Med di Opio, immerso nel verde e dove l’unico suono che senti è il cinguettare degli uccelli, Gattinoni affiancato da altri importanti
operatori, ha organizzato una convention per fare il punto della situazione dell’organizzazione turistica del nostro paese, allungando lo sguardo al domani.

La tecnologia, specie in questi ultimi anni, ha portato anche nel turismo profonde trasformazioni, ci verrebbe la voglia di dire ha rivoluzionato il modo di prenotare e fare sia i viaggi che le
vacanze.

Nei cieli il crescente numero delle compagnie aeree e i viaggi low cost, l’abbondanza delle offerte ricettive, l’allargamento delle destinazioni e infine l’espandersi del turismo di massa hanno
fatto subire al settore, specie negli ultimi decenni, una svolta di 180 gradi.

Due sono le domande che a Opio sono a più riprese risuonate: le agenzie di viaggi in che modo possono rispondere al mercato? Come deve essere il fornitore dei servizi di oggi e ancor
più quello del domani?

Sono problemi importanti in special modo per le agenzie -purtroppo spesso prese di mira, assieme alla proprietà di villaggi vacanze, dalle organizzazioni criminali per il riciclaggio del
denaro sporco- che devono far fronte al moltiplicarsi delle richieste del cliente portato sempre più all’utilizzo del web, e dall’altra per i TO impegnati a rispondere alle loro
necessità. In sostanza questi ultimi sono in grado di dargli quel sostegno, soprattutto tecnico, del quale esse hanno bisogno dovendo tra l’altro far fronte alle crescenti novità
del settore?

Parte da qui lo sviluppo dei NETWORK e la costante diminuzione del classico TO che con il suo catalogo e il pacchetto precostituito gravato tra l’altro dai costi per i troppi passaggi
oltreché dalla dispendiosa spesa per la pubblicità (che ricade alla fin fine sul consumatore) dovendo rifornire coi cataloghi la stragrande maggioranza delle migliaia di agenzie.

Sia Hotelplan Italia -era presente Roberto Franchi della direzione commerciale- come Sergio Testi di Alpitour Word, nel soffermarsi sulla situazione del mercato che nel 2008 ha subito un
consistente calo e che pian piano sta risalendo la china, pur tra le pesanti restrizioni economiche di una parte del mondo, hanno convenuto sulla necessità di concentrare l’attenzione su
un numero preciso di agenzie, cioè su quelle in sostanza che coi fatti dimostrano molto impegno, entusiasmo nel proprio lavoro, professionalità e infine dotate di tanta fantasia
per allargare la cerchia della propria clientela.

Un esempio di come dovrebbe essere l’agenzia del futuro -ma anche dell’oggi- lo ha con folclore evidenziato Leonardo Massa di MSC Crociere indicando le linee a suo avviso da seguire, cogliendo
l’occasione per parlare anche del costante aumento dei posti letto delle navi da crociera che per quanto riguarda la MSC raggiungerà nel 2015, con l’entrata in servizio di nuove navi,
quota 45.000. E questo grazie all’apporto del lavoro svolto delle agenzie di viaggio attraverso le quali avviene esclusivamente la vendita.

Lo stesso discorso, in un certo qual modo, è stato fatto da Alexander Dorsogna di Alitalia dicendo che delle attuali 500 agenzie con le quali la Compagnia abitualmente lavora solo 200
saranno quelle che ufficialmente in un prossimo futuro potranno fregiarsi della suo simbolo. Simbolo che significa disporre anche dei servizi degli altri vettori aerei coi quali Alitalia ha
rapporti diretti.

Il padrone di casa Gino Andreetta del Club Med Italia in poche parole ha sintetizzato la trasformazione del Club che dai tucul di Baratti è passato a eleganti resort con servizi di
prim’ordine rivolto alla clientela medio alta.

Se si torna con la mente allo spirito, alle finalità con le quali il Club Mediterranée nacque per far godere delle vacanze a basso prezzo (erano treni di giovani vacanzieri che
attraverso Modane raggiungevano il Tirreno) a chi tanto aveva sofferto per la guerra, riesce quasi impossibile pensare alla profonda trasformazione avvenuta, facendoci pensare a quello che da
oggi a qualche anno potrà avvenire in questo settore tanto importante, anche sotto il profilo economico.

E qui si torna a parlare di NETWORK dove i costi sono ridotti al massimo, servono le proprie agenzie e quelle fidelizzate, dispongono di tutto quello che il
turista ha bisogno, fanno contratti diretti sia per il ricettivo, come per il trasporto e per l’assistenza. Dispongono di un call center operativo 24 ore su 24 e di un’amministrazione unificata
con notevoli risparmi.

Le agenzie di viaggio nel nostro paese (oltre 15000) sono suddivise in due categorie: quelle indipendenti -aperte a tutti gli operatori- e quelle centralizzate che fanno capo a NETWORK. Le
indipendenti, e i fatti di cronaca ne sono un esempio, sono quelle più a rischio dovendo affidarsi a TO non sempre a posto finanziariamente, mentre le altre non solo sono più
garantite ma addirittura sono in grado di vincere la concorrenza del web.

Gattinoni ha riesumato per il proprio NETWORK il marchio Sestante che negli anni che furono era uno degli assi portanti della CIT. E’ ad esso che fanno riferimento le 156, delle quali 76
centralizzate, agenzie tra proprietà e fidelizzate (destinate tra breve ad essere 200) targate Gattinoni.

Franco Gattinoni è dell’avviso che per fare un buono ed efficiente lavoro non si deve essere troppo grandi; solo cosi si può far fronte alle turbolenze del mercato (la caduta del
2008 è ancora calda) con danni ridotti per l’azienda salvaguardando l’occupazione del personale favorendo, come sta accadendo, il recupero e il rilancio.

Sul 2012 pesano, come si sa, gli avvenimenti finanziari mondiali e italiani in particolare. Ciò non toglie che la sede milanese della società diventi più ampia e venga a
breve spostata in una posizione più centrale, meglio servita dai servizi pubblici. Un passo importante nel momento del lancio della campagna pubblicitaria invernale, in aggiunta ad altre
destinazioni, incentrata sul Brasile, uno dei paesi emergenti e sede del prossimo Campionato Mondiale del Calcio.

Per la prossima estate una particolare attenzione del gruppo Gattinoni sarà rivolta all’Italia meridionale dove non mancano ricettivi per tutte le borse e che meritano una particolare
attenzione. ..

E’ con questi elementi -inserendoci una presa mirata sull’utenza- che da Opio, a pochi chilometri da Cannes, Gattinoni affronta la sfida del world wide web potendo disporre di tante soluzioni
per venire incontro alle molte necessità del VIAGGIATORE.

Informazioni: www.gattinoni.it

Bruno Breschi

Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento