Turismo accessibile: Un bacino di utenza di oltre 140 milioni di persone

Turismo accessibile: Un bacino di utenza di oltre 140 milioni di persone

Il tema del turismo accessibile è un argomento di grande attualità ed è stato il tema centrale del meeting europeo ospitato a
Gitando.all a Vicenza. Il turismo accessibile ha un bacino di utenza di oltre 140 milioni di persone, per un introito di 89 miliardi di euro.

Nel corso del meeting Angelika Laburda dell’European network for accessible tourism (Enat) ha sfatato il pregiudizio che l’accessibilità sia un’esigenza di pochi: “Il mercato potenziale
del turismo accessibile interessa 89 milioni di persone disabili che non vorrebbero viaggiare da sole ma con amici e parenti. Per cui il dato va moltiplicato almeno di una volta e mezza,
arrivando a 127,5 milioni di persone, il 27% della popolazione europea”.

Sono quattro i punti critici del nostro Paese: stazioni ferroviarie, mezzi di trasporto, sistemazioni alberghiere e ristoranti, carenze che vanno colmate se vogliamo tenere il passo con i
nostri diretti competitor. Le strutture alberghiere sono fondamentali per questa fetta di turismo soprattutto in vista di eventi come Expo 2015, tanto che a livello istituzionale si stanno
concretizzando delle scelte per far si che Milano sia pronta ad accogliere l’evento: con delibera n. 9/983 del 15 dicembre 2010 è stato definito il Piano d’Azione Regionale per le
politiche in favore delle persone con disabilità, mettendo in luce ciò che la Regione Lombardia intende fare per Expo 2015. Nel Piano si parla per la prima volta di
“certificazione di qualità ed ente certificante” quale strumento per individuare e premiare le realtà più rispondenti ai requisiti. Si vuole rendere Expo un modello di
accessibilità e fruibilità.

In questo contesto Dasa-Rägister S.p.A. opera dal 2008 avendo generato, attraverso un GdL al quale hanno partecipato persone con disabilità
motorie, la norma “D-4001:2008 Accessibilità siti per persone con difficoltà motorie – Requisiti” scaricabile gratuitamente, assieme alla
linea guida e alla check list di autovalutazione, dal sito www.d-4001.com.

Lo standard è complementare in molte parti alla ISO 9001:2008, non si limita alla sola definizione di requisiti per le infrastrutture ma prende in considerazione anche aspetti gestionali
e di monitoraggio nel tempo; inoltre gli Audit siano effettuati da personale con disabilità motorie. Diverse realtà importanti hanno adottato questo schema tra cui parte delle
agenzie Equitalia (Piemonte e Veneto), gli Aeroporti di Milano Malpensa (entrambi gli scali) e Linate oltre ad altre realtà tra cui Autogrill S.p.A. per un progetto pilota.

Dasa-Rägister S.p.A., Ente di certificazione rimane a Vostra disposizione per illustrare i diversi vantaggi sociali e di marketing che può generare questa iniziativa con un modesto
investimento (il costo della certificazione di un sito dipende dalla sua complessità e parte da qualche centinaia di Euro).

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento