Troppe calorie danneggiano la memoria

Troppe calorie danneggiano la memoria

Mangiare troppo non fa male solo alla pancia, ma anche alla memoria. Gli over 70 che superano le 2.100 calorie giornaliere vedono raddoppiare il rischio di vuoti di memoria o decadimento cognitivo lieve (Mci).

Questo il messaggio finale di una ricerca della Mayo Clinic di Scottsdale (Arizona), diretta dal dottor Yonas Geda e prossimamente presentata alla riunione annuale dell’American Academy of
Neurology, in programma a New Orleans dal 21 al 28 aprile.

La squadra del dottor Geda ha selezionato 1.223 volontari: uomini e donne tra i 70 e gli 89 anni, residenti a Olmsted County, in Minnesota. Di questi, 163 soffrivano di Mci. Gli studiosi hanno
annotato la quantità di cibo giornaliero e, in base alla quantità di calorie, diviso il campione in tre gruppi, con livelli crescenti di calorie.

Il primo gruppo consumava 600-1.526 calorie al giorno. Il secondo 1.526-2.143 calorie giornaliere. Il terzo, infine, toccava le 2.143- 6.000 calorie. Infine, gli esperti della Clinica hanno
valutato l’efficienza mentale e la capacità di memoria.

Risultato, il terzo gruppo (maggior livello di calorie) mostrava il doppio di probabilità di problemi di memoria del primo gruppo (minor livello di calorie). Nessun particolare
vulnerabilità o resistenza per il gruppo intermedio.

Commentando il risultato, il capo-ricercatore ha ammesso come siano necessari esami d’approfondimento. Tuttavia, già oggi è possibile dire che “Tagliare le calorie e seguire una dieta sana può essere un modo semplice per prevenire la perdita di memoria legata all’età”.

FONTE: “Overeating May Double Risk of Memory Loss”, newsblog.mayoclinic.org, 12/02/012

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento