Toscana: «Interventi eccellenti, sfida impegnativa ma possibile»

Firenze, 11 Ottobre 2007 – «Qualità: è questa la parola chiave che deve accompagnare qualsiasi inserimento di architettura contemporanea nel nostro paesaggio»
lo dichiara l’assessore regionale programmazione e coordinamento per gli interventi di tutela del paesaggio Riccardo Conti, presentando il convegno “Architettura contemporanea nel paesaggio
toscano 2007. Esperienze, temi e progetti a confronto”, in programma a Cinigiano il 19 e 20 ottobre.

«Alla qualità, costante di ogni intervento in un contesto di pregio come quello toscano, che rappresenta un riferimento a livello mondiale per il valore del suo paesaggio, si
devono affiancare ricerca e innovazione – prosegue Conti – elementi fondamentali di quella conservazione attiva capace di garantire la gestione virtuosa dei processi di trasformazione. In
situazioni di non sviluppo non si sono mai prodotti paesaggi di eccellenza».
«Il riconoscimento – prosegue Conti – dei valori del paesaggio (che sono estetici, storico-culturali, e ambientali, come dice anche il nostro Piano di indirizzo territoriale) non deve
impedire di raccogliere la sfida di riproporre gli stessi livelli di qualità del passato. E’ una sfida impegnativa che richiede che chi interviene si misuri con i grandi della
storia».
La società toscana nel suo complesso, quindi insieme agli enti locali, deve essere in grado di raccogliere questa sfida. «Un processo che deve avvenire – conclude l’assessore –
sulla base della partecipazione e del coinvolgimento delle popolazioni attraverso le istituzioni, così come ci dice la Convenzione europea del paesaggio».

Chiara Bini

Leggi Anche
Scrivi un commento