Torino: Presentato il vino degli antichi vigneti di Villa della Regina

Torino: Presentato il vino degli antichi vigneti di Villa della Regina

Dopo un complesso e lungo intervento della Sopraintendenza per Beni Storici, Artistici e Etnoantropologici del Piemonte i vigneti di Villa della Regina
tornano a produrre vino. L’intervento di ristrutturazione ha interessato un complesso demaniale di 12 ettari costituito da giardini, boschi e aree agricole che vantano una posizione panoramica
sulla collina di Torino. Le vigne a Villa della Regina sono un raro esempio a livello mondiale di vigneti produttivi in un contesto interamente urbano.

Il vino presentato è un vino che si è avvalso di studi della facoltà di Agraria dell’Università di Torino che hanno indicato il Freisa come vitigno ideale per i terreni soprastanti la zona della Gran Madre. Questo vino rosso fermo è oggi prodotto in cinquemila bottiglie dal reimpianto
del vigneto storico con l’ etichetta “Vigna della Regina”, prodotta dall’ azienda vitivinicola Balbiano.

Inoltre sono prodotte quattrocento bottiglie di grappa dalle vinacce della vigna e le celebri pastiglie Leone al gusto di vino “Vigna della Regina” nelle
versioni al Freisa e al Cari esclusivamente confezionate in scatoletta metallica.

Sabato 14 maggio alle ore 16 si terrà un’asta benefica del “Vigna della Regina” e saranno battuti 26 lotti
di differente formato: dalle Magnum di 1,5 l., Jeroboam di 3 l. e Balthazar di 12 l. Tutte le bottiglie sono pezzi unici griffati dall’artista Luigi Stoisa, e i proventi dell’asta andranno
all’azienda vitivinicola Balbiano a Villa della Regina per continuare lavori nei giardini e nelle vigne che rappresentano un fondamento storico per Torino.

Andrea Scappini
per Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento