FREE REAL TIME DAILY NEWS

Tesserino obbligatorio solo per gli appalti “interni”

By Redazione

Per effetto dell’entrata in vigore della Legge 3 agosto 2007, n 213 dal 1° settembre 2007 nell’ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto o subappalto, il personale
occupato dall’impresa appaltatrice o subappaltatrice deve essere munito di apposita tessera di riconoscimento corredata da fotografia, contenente le generalità del lavoratore e
l’indicazione del datore di lavoro.

Solo il 14 novembre c.m., in colpevole ritardo, il Ministero del lavoro interviene con circolare n. 24 per fornire i chiarimenti per la corretta applicazione della “nuova” previsione
normativa1.

Poiché lo scopo della normativa è quella di consentire una più agevole identificazione del personale impegnato in contesti organizzativi complessi caratterizzati dalla
compresenza, in uno stesso luogo, di lavoratori appartenenti a diversi datori di lavoro, il Ministero ritiene che la stessa debba essere applicata ai soli c.d. appalti interni.

Ci troviamo di fronte ad un appalto interno quando “gli imprenditori appaltano opere o servizi, compresi i lavori di facchinaggio, di pulizia e di manutenzione ordinaria degli impianti, da
eseguirsi nell’interno delle aziende con organizzazione e gestione propria dell’appaltatore2”.

Il Ministero inoltre delinea precisamente quali sono gli obblighi in capo alle parti :
– il datore di lavoro è obbligato a “munire” il “personale occupato” dall’azienda (lavoratori subordinati, collaboratori a progetto ecc.) della tessera di riconoscimento (SA da ? 100 a ?
500 per ogni lavoratore);
– a sua volta “il personale occupato” (compresi gli autonomi che vi devono provvedere per proprio conto) è tenuto a portare indosso in chiara evidenza la tessera di riconoscimento (SA da
? 50 a ? 300)3.

I dati contenuti nella tessera di riconoscimento devono consentire l’inequivoco ed immediato riconoscimento del lavoratore interessato e pertanto, oltre alla fotografia, deve essere riportato
in modo leggibile almeno il nome, il cognome e la data di nascita. La tessera inoltre deve indicare il nome o la ragione sociale dell’impresa datrice di lavoro.

In alternativa ai tesserini i soli datori di lavoro che occupano meno di dieci dipendenti (cioè massimo nove) possono assolvere all’obbligo di esporre la tessera “‘mediante annotazione,
su apposito registro vidimato dalla Direzione provinciale del lavoro territorialmente competente da tenersi sul luogo di lavoro, degli estremi del personale giornalmente impiegato nei
lavori”(opzione poco pratica).

Al riguardo il Ministero precisa che, in questo caso, l’impresa è tenuta ad istituire più registri qualora svolga la propria attività in luoghi diversi e che il registro
non può mai essere rimosso dal luogo di lavoro.

Le annotazioni sullo registro vanno effettuate necessariamente prima dell’inizio dell’attività lavorativa giornaliera in quanto trattasi di un registro “di presenza” sul luogo di
lavoro4.

Infine, la mancata tenuta sul luogo di lavoro del registro ovvero l’irregolare tenuta dello stesso comporta in capo al datore di lavoro la medesima sanzione prevista con riferimento alle
tessere di riconoscimento (SA da ?100 ad ? 500 per ciascun lavoratore).

NOTE
1 un’analoga previsione normativa è già stata introdotta dall’art. 36bis del DL 223/2006 conv. nella Legge 248/2006 per il
personale occupato nei cantieri edili
2 definizione ricavata dall’art. 3 Legge del 23 ottobre 1960, n. 1369 abrogato dall’art. 85 D.Lgs. 10.09.2003, n. 276, con decorrenza dal
24.10.2003
3 Nei confronti di tali sanzioni si ricorda da ultimo che non è ammessa la procedura di diffida di cui all’articolo
13 del D.Lgs. n. 124/2004 per espressa previsione normativa.
4 Per quanto concerne le modalità di vidimazione del registro da
parte delle Direzioni provinciali del lavoro è possibile rinviare in via analogica a quanto previsto dal T.U. n. 1124/1965 con riferimento ai libri di paga e matricola.

Ministero del Lavoro, circolare n. 24 del 14 novembre 2007
Scarica il documento completo in formato .Pdf

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: