Televisione: La Rai deve rispettare il contratto di servizio

Televisione: La Rai deve rispettare il contratto di servizio

Roma – “Il Qualitel, il sistema di misurazione degli obiettivi di programmazione e della qualità dell’offerta radiotelevisiva della RAI già previsto dal contratto nazionale
di servizio 2007-2009, è irrinunciabile, perché un servizio pubblico che non valorizza la qualità viene meno alla sua funzione”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona,
Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, esprimendo pieno apprezzamento per le dichiarazioni a difesa del Qualitel formulate dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni
e dal Consiglio Nazionale degli Utenti.

“La qualità dell’offerta radiotelevisiva -prosegue Dona- costituisce un obiettivo primario e un carattere distintivo del servizio pubblico. Pretendere perciò un servizio pubblico
di qualità come quello di paesi come Inghilterra o Francia è sacrosanto: è una questione di civiltà e di rispetto per i cittadini che pagano il canone”.

“Le nuove linee guida elaborate dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni -conclude Dona- prevedono il rafforzamento dell’organismo di valutazione, che dovrà essere
nominato dall’Autorità d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico. Inoltre, i risultati delle rilevazioni sulla qualità del servizio dovranno essere resi pubblici, mentre
sul grado di soddisfazione degli utenti dovranno essere ascoltate periodicamente le Associazioni dei consumatori”.

Leggi Anche
Scrivi un commento