Canone Rai: Garimberti disperato si appella a chi non vuole e non puo’ sentire

Canone Rai: Garimberti disperato si appella a chi non vuole e non puo’ sentire

Firenze –  Il presidente della Rai, Paolo Garimberti, ha rivolto un appello alla politica e al Governo, perche’ si recuperi quel presunto 25-30% di canone imposta Rai che sarebbe
evaso… altrimenti i conti continueranno a non tornare e continueranno ad usare gli introiti pubblicitari per pagare il servizio pubblico. In alternativa -dice Garimberti- non potremo abbassare
l’imposta per le fasce piu’ deboli e dovremo ridurre drasticamente qualita’ e innovazione.

Stendiamo un velo pietoso sulla minaccia di continuare a non applicare cio’ che e’ gia’ legge dello Stato da due anni (agevolazioni per gli over 75 anni). Non entriamo nel merito sulla riduzione
della qualita’ -immaginiamo non tecnica- ma contenutistica. Ci fermiamo solo sull’aspetto economico.

Il nostro Garimberti o e’ o ci fa. Vogliamo credere che sia, e non si renda conto che sta chiedendo qualcosa a chi non vuole e non puo’ ascoltare.

Non vuole ascoltare perche’ se dovessero far pagare l’imposta/canone a tutti gli salterebbe l’intero sistema di consenso economico (oltre un miliardo di euro abbiamo calcolato come evasione da
parte delle aziende…. altro che contribuenti che, per il fatto stesso di esistere, non avendo dichiarato il possesso di un apparecchio tv sono considerati evasori) [1].

Non puo’ ascoltare perche’ il loro sistema di potere -governo o opposizione e’ la medesima cosa- si basa sulla spartizione della Rai cosi’ com’e’, perche’, se quand’anche fosse un’azienda come
un’altra, certi costi e certi investimenti servirebbero solo per mettere in galera i vari responsabili, fino al presidente medesimo.
Gli appelli di Garimberti hanno il sapore di complicita’, di voce declamante nel deserto per lavarsi la coscienza. Perche’ se cosi’ non fosse, si tratterebbe di prendere decisioni molto semplici,
forcaiole o meno, comunque semplici:

  • militarizzare la riscossione del canone/imposta per tutti, mettendosi contro contribuenti e associazioni aziendali varie;
  • abolire il canone e privatizzare la Rai mettendola sul mercato al pari dei suoi attuali finti concorrenti. Per fare questo, pero’, Garimberti dovrebbe smettere di fare questi appelli ed
    entrare in conflitto con chi lo ha messo li’ dov’e’….

1. Qui il nostro settore Rai con tutti i calcoli e le spiegazioni: https://tlc.aduc.it/info/specialecanonerai.php

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento