Tè nero, difensore del cuore

Tè nero, difensore del cuore

Meno famoso del tè verde, il comune tè nero è lo stesso alleato della salute: difende il cuore e l’intero apparato cardiovascolare, riducendo il pericolo di malattie.

Questa la tesi avanzata da una ricerca dell’Università of Western Australia
(Facoltà di Medicina e Farmacologia), UWA, diretta dai dottori Natalie Ward e Kevin Kroft e pubblicata sul Journal of Pharmacology”.

Gli scienziati sono partiti da analisi precedenti, secondo cui i flavonoidi alimentari sono capaci di ridurre la pressione sanguigna, rendendo meno frequente il pericolo arteriosclerosi,
l’accumulo di placca nelle arterie.

Perciò, il team UWA ha ipotizzato come il tè nero, ricco di flavonoidi, potesse essere valido sistema per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

In cerca di conferme, Ward e colleghi hanno lavorato con topi da laboratorio, somministrandogli una bevanda a base di tè nero ed analizzando il loro organismo. Dopo il consumo, i
roditori evidenziavano una ridotta pressione sanguigna: inoltre, i flavonoidi difendevano il sistema cardiovascolare dalle sostanze ossidanti e dallo stress a loro collegato.

Comunque sia, i ricercatori hanno già approfondimenti in programma: obiettivo, verificare l’effetto di combinazioni di flavonoidi, flavonoidi assunti tramite alimentazione e flavonoidi
puri.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento