Sale, i terribili sei che attaccano cuore ed arterie

Sale, i terribili sei che attaccano cuore ed arterie

L’eccesso di sale è uno dei grandi problemi della dieta occidentale. Assieme alla mancanza di esercizio fisico, le grandi dosi del nutriente sono prima causa di disturbi pericolosi, in
primis l’obesità e le malattie cardiocircolatorie.

Allora, in aiuto del consumatore arriva l’American Hearth Association.

Il messaggio degli studiosi AHA è semplice: gran parte del sodio a tavola arriva dai terribili 6, un gruppo ben definito di alimenti. Conoscerli, e quindi consumarli con attenzione e
moderazione, è il primo passo per stare meglio.

Notizia preliminare: le linee guida danno dei valori di sodio giornalieri da non superare. Secondo quelle più diffuse, la soglia è inferiore ai 2300 mg/giorno. L’AHA pone una
cifra inferiore 1500 mg/giorno. Tuttavia, il consumo è ben maggiore: il cittadino medio degli USA arriva tranquillamente a 3400 mg/giorno.

E come spiega dottoressa Linda Van Horn, il problema sta nei cibi pronti: “L’eccesso di sodio nella nostra dieta ha meno a che fare con quello che aggiungiamo al nostro cibo e più a che
fare con quello che è già nel cibo”.

Allora, il primo della lista è il pane. Un solo pezzo arriva a 230 mg di sodio, il 15% della dose quotidiana.

E poi, i sandwich: il pane da hamburger è particolarmente pericoloso, salato di per sé in quanto viene consumato con carni lavorate. Così, la classica coppia arriva
fino a 1500

Pizza: nel suo curriculum, fino a 760 mg per fetta, più grassi e calorie.

La zuppa, amata perché dotata di verdura , è anche ricca di sodio. In base ai controlli AHA, una porzione arriva a 940 mg.

Capitolo pollame surgelato. In base alla preparazione ed al prodotto in sé, i livelli di sodio possono crescere. Tra i peggiori, i chicken nuggets impanati, con i loro 600 mg di
sodio.

Infine, ma non per ultima, la carne lavorata. I prodotti trattati, come i salumi, usano il sodio per favorire la conservazione e difendersi da patogeni e
contaminati. Come effetto collaterale, alcuni dei prodotti arrivano ai 1.050 mg di sodio, una percentuale molto alta.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento