Strudel, biscotti e torroncini: la pasticceria giusta combatte il tumore al seno

Strudel, biscotti e torroncini: la pasticceria giusta combatte il tumore al seno

E’ possibile usare la pasticceria come arma contro il tumore al seno. Biscotti, torte e dolci vari diventano così strumenti di prevenzione, insegnanti del corretto stile di vita.

Questo il messaggio del pasticceria natalizia della Fondazione Istituto Nazionale dei Tumori di Milano che si è tenuto nella cucina del Campus Cascina Rosa.

I maestri cucinieri della cascina hanno spiegato il loro sistema. Il primo passo è ridurre quanto possibile tutte quelle sostanze che possono agire come carburante per il cancro: uova,
latte, burro e zucchero. Esse verranno sostituite da ingredienti buoni, come olio d’oliva, frutta (fresca e secca) e latte di riso.

Per metabolizzare meglio il meccanismo, ecco una delle ricette offerte dal team di Cascina Rosa.

Biscotti alla farina di mandorle di Zina

Ingredienti

500gr di farina di mandorle, 3 mele Golden, mandorle o pistacchi tritati o pinoli, a piacere.

Preparazione

Far bollire le mele sbucciate e a pezzi per qualche minuto in due cucchiai di acqua. Una volta cotte, frullare e amalgamare in una terrina con la farina di mandorle, fino ad ottenere un impasto
omogeneo. Prendere un po’ di pasta alla volta con un cucchiaino e distribuitela in una teglia foderata con carta forno. Guarnire la superficie di ciascun biscotto con la frutta secca a piacere.
Cuocere in forno a 180 gradi per 5-10 minuti. Appena i biscotti saranno dorati, togliere dal forno e lasciarli raffreddare fino a che saranno induriti.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento