Quanto è buono, cavolo! (ma anche zucca)

Quanto è buono, cavolo! (ma anche zucca)

Cavoli e zucche: così vicini, eppure così lontani. Da sempre presenti dall’ortolano o nei banchi dei supermercati, tali vegetali non vengono sempre sfruttati a dovere.

Il rimedio arriva così da “Cavoli e zucche in cucina”, edito da Terra Nuova Edizioni e scritto da Rosanna Passione, alimentarista ed esperta di cucina naturale con 20 anni di militanza
nel settore.

Per cominciare, il testo mette nero su bianco i meriti dei protagonisti.

Il cavolo è un pieno di carotenoidi, folati, vitamina C, flavonoidi ed altre sostanze benefiche. Entrando nell’organismo, gli elementi rimuovono sostanze tossiche, difendono dal cancro e
regolano il sistema cardiovascolare.

Da parte sua, la zucca rifornisce di vitamine (A e C), betacarotene, sali minerali acqua (fino al 94%) e zuccheri semplici. La sua composizione la rende adatta anche per i malati di diabete,
ipertensione e problemi di pancreas. Inoltre, tale ortaggio è considerato utile contro una pluralità di disturbi: nervosismo, ansia, insonnia, disturbi gastrici ed altro E se poi
non lo si vuole mangiare, si può usare la polpa come ingrediente contro le scottature e maschere di bellezza.

Il testo della Passione insegnerà così i segreti di tali alimenti, con più 100 ricette adatte per le varie occasioni.

Per gli interessati, ecco un piccolo… antipasto:

Cavolo rapa laccato

Prendete due cavoli rapa e tagliateli a fettine sottili. Tagliate ora a bastoncino un paio di carote precedentemente pulite. Cuocete gli ortaggi a vapore sino a che non siano diventati teneri,
e nel frattempo preparare una sorta di “salsina” con 3 cucchiai di aceto, 2 di mela e 3 di miele di acacia o arancio. Non appena le verdure saranno cotte versate la salsina sugli ortaggi e
guarnite con erba cipollina.

Rosanna Passione,“Cavoli e zucche in cucina”, Terra Nuova Edizioni 2010, 120 pp., 13 Euro.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento