Mangiando davanti al PC si mangia di più

Mangiando davanti al PC si mangia di più

Una ciambella mentre si leggono le mail, un panino mentre si chiude il lavoro. Mangiare davanti al computer può essere un’abitudine, ma è sbagliato in quanto favorisce il consumo
di dolci, ed a lungo andare l’obesità.

L’ammonimento arriva da una ricerca dell’Università di Bristol (Gran Bretagna), diretta dal dottor Jeff Brunstrom e pubblicata sul “American Journal of Clinical Nutrition”.

Il dottor Brunstrom ed il suo staff hanno reclutato 44 volontari, poi divisi in due gruppi. Entrambi i gruppi hanno ricevuto le stesse portate (pasto completo di dessert) e nello stesso ordine.
Tuttavia, il primo gruppo ha mangiato giocando a Solitario davanti al PC, il secondo senza distrazioni di sorta.

Alla fine della consumazione, i ricercatori hanno rilevato come il primo gruppo avesse mangiato di più (circa 250 in più), sopratutto più dolci e si ricordasse con
difficoltà l’ordine delle portate.

Per Brunstrom, quello emerso è il “problema alimentare” di PC o televisori. Chi mangia davanti ad uno schermo animato tende a focalizzarsi sulle immagini: così facendo, diminuisce
la percezione di sazietà ed il computo delle calorie introdotte. E si mangia di più.

FONTE: Rose E Oldham-Cooper, Charlotte A Hardman, Charlotte E Nicoll, Peter J Rogersand Jeffrey M Brunstrom, “Playing a computer game during lunch affects fullness, memory for lunch, and
later snack intake”, Am J Clin Nutr 2010 ajcn.004580; First published online December 8, 2010. doi:10.3945/ajcn.110.004580

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento