Siglata l'intesa per la nuova biblioteca nel Movicentro di Chivasso

Torino, 15 Ottobre 2007 – Questa mattina, presso il Municipio di Chivasso, gli assessori ai Trasporti e alla Cultura della Regione Piemonte, Daniele Borioli e Gianni Oliva, il sindaco
del Comune di Chivasso, Bruno Matola e l’assessore alla Cultura, Alessandro Germani hanno siglato il Protocollo d’Intesa per la realizzazione della nuova Biblioteca Civica all’interno del
Movicentro di Chivasso.

L’intesa vale complessivamente 2 milioni 700 mila euro, di cui 1 milione 100 mila euro dal Comune di Chivasso, 1 milione 600 mila euro dalla Regione Piemonte (1 milione assessorato ai
Trasporti, 600 mila assessorato alla Cultura). Dopo l’approvazione del progetto definitivo, prevista per la fine di quest’anno, i lavori partiranno la prossima primavera, per concludersi alla
fine del 2009.

«Si tratta – ha dichiarato l’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte, Daniele Borioli – di una iniziativa importante e credo davvero coraggiosa perché pone in relazione un
tema tradizionalmente legato al relax e alla tranquillità come la lettura, e quindi la biblioteca, con la mobilità e il pendolarismo, caratterizzati invece da frenesia,
concitazione e fretta. Spesso i luoghi di transito sono concepiti come ambiente spogli, poco ospitali in cui i viaggiatori passano veloci, senza nemmeno guardarsi intorno.
In questo caso invece i centinaia di viaggiatori che transitano ogni giorno dal Movicentro di chivasso, potranno godere di una straordinaria opportunità».

«Il senso di questa iniziativa – ha spiegato l’assessore alla Cultura, Gianni Oliva – è quello di avvicinare il libro alla gente e la gente al libro. Sono sicuro che l’operazione
biblioteca sarà un successo e chissà, magari servirà anche a vedere, a bordo di treni e autobus, qualche viaggiatore in più con un libro in mano».

«Siamo finalmente al primo passo ufficiale nella storia della nuova biblioteca civica Jacobino Suigo – ha dichiarato il sindaco di Chivasso, Bruno Matola – che avrà tutte le
caratteristiche di una moderna biblioteca pubblica e garantirà tutti quei servizi dai quali non è più possibile prescindere e che sono indispensabili per un servizio
qualitativamente elevato. La nuova sede sarà percepita come una biblioteca di tutti e per tutti: per informarsi e aggiornarsi, incontrarsi e comunicare; un centro culturale e informativo
sorretto da un uso intensivo delle nuove tecnologie e caratterizzato da ambienti accoglienti e spazi architettonicamente gradevoli, in grado di far sentire a proprio agio anche il pubblico meno
assiduo. Con il supporto dell’importante rete costituita dal Sistema Bibliotecario dell’Area Metropolitana Torinese diventerà il punto di riferimento essenziale per lo sviluppo culturale
e la qualità della vita del territorio chivassese. La peculiarità del progetto – ha aggiunto il sindaco – crea importanti e significative sinergie con il sistema di interscambio
nei trasporti che caratterizza lo snodo chivassese. La nuova biblioteca sarà un’ulteriore segnale della crescita che la nostra città ha avuto in questi anni. Il mio personale
ringraziamento và alla passata Amministrazione Fluttero che cominciò l’iter formale, all’Assessore Germani che già nel 2002 seppe immaginare le potenzialità di
questo progetto, ai funzionari comunali e alla Regione Piemonte che ci permette di cogliere questa opportunità unica».

Il progetto prevede che si utilizzi la sagoma del fabbricato esistente, che risale all’inizio del secolo scorso e che verrà demolito a causa della precarietà della struttura
portante; al suo posto, un nuovo edificio su due livelli, con l’ingresso principale al piano terra collegato alla nuova biglietteria per autobus e treni.

Nel dettaglio al piano terra verranno localizzate:

– Front office e banco di prestito
– Zone di attesa, con file di sedile dotate di attacchi per personal computer e monitor informativi sulla mobilità locale e regionale, collegando lo spazio della biblioteca con la
biglietteria e la stazione
– Cataloghi on line
– Emeroteca, scaffali pluringue, vetrine di novità
– Zona lettura

Al piano superiore:

– sala di consultazione con box di lettura individuali
– sezione bambini con spazi per laboratori di lettura e attività di gruppo
– laboratorio informatico
– sezione ragazzi
– back office

Leggi Anche
Scrivi un commento