Servono nuove regole per sostenere la filiera agroalimentare

Servono nuove regole per sostenere la filiera agroalimentare

Roma – “Non ci rassegneremo mai ad una visione marginale dell’agricoltura né ad un’industria costretta a delocalizzare: la centralità è e deve rimanere della filiera
agroalimentare, ossia delle aziende agricole e del lavoro”.

Così il presidente di Fedagri – Confcooperative Maurizio Gardini durante il suo intervenuto al Congresso nazionale della Uila in corso a Roma. Dopo aver ringraziato il segretario
dell’organizzazione sindacale Mantegazza “per aver invitato tutti ad una chiara assunzione di impegni” – che è “ciò che contraddistingue una classe dirigente” – Gardini ha
proseguito sostenendo che “la cooperazione non ha intenzione di giocare un ruolo marginale, ma vuole essere protagonista per traghettare tutte le filiere produttive dopo il 2013 e oltre la
crisi”.

“In tutti i Paesi europei – ha proseguito il presidente di Fedagri – Confcooperative –  si è avviata una riflessione sul futuro della Pac, riflessione che da noi stenta a partire a
causa di altre distrazioni. Quando parliamo di disaccoppiamento come fare a spiegare che non saremo in grado di difendere un settore come il pomodoro perché dopo il 2011 le risorse
saranno destinate a chi faceva pomodoro e ora non lo coltiva più?”

“È la politica – ha spiegato Gardini – che deve accompagnare la filiera a costruire un nuovo sistema di regole e di sostegno alle filiere agroalimentari, poiché noi non riusciremo
a combattere da soli contro la concorrenza di paesi che hanno altre regole”.

La soluzione secondo Fedagri non sta nelle difese protezionistiche (“noi esportiamo i nostri prodotti e non possiamo essere per il protezionismo”) ma nel fare ognuno la propria parte per
trovare delle risposte: “occorre fare un passo avanti – ha concluso Gardini – e avere quel senso di responsabilità che ci porti insieme a costruire una strategia di sviluppo
dell’agroalimentare”.

Ufficio stampa Fedagri – Confcooperative
Redazione Newsfood.com+WebTV – info@newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento