Lombardia: Contro la crisi la Valtellina fa “sistema”

Lombardia: Contro la crisi la Valtellina fa “sistema”

Milano – Per affrontare la crisi nell’agroalimentare – che peraltro ha risparmiato i prodotti tipici che segnano un circa 4% in più nel 2009 in linea con i dati nazionali – la
Valtellina vuole fare ‘sistema’ e puntare sul ‘mettersi insieme’, la strada sono i consorzi, per affrontare lo sviluppo.

E’ quanto è emerso, tra l’altro, nell’incontro ‘Le eccellenze valtellinesi sulle tavole di Lombardia’ che si è svolto al Circolo della Stampa di Milano.   
Erano presenti, tra i tanti, il presidente della Provincia di Sondrio, Massimo Sertori, e Patrizio Del Nero, direttore del multi-consorzio ‘Valtellina Che Gusto’.   

Sono stati presentati tutti i prodotti locali dal vino, fra cui lo Sforzato di Valtellina e il Valtellina Superiore, entrambi di origine controllata e garantita, ai formaggi dop: il Valtellina
Casera e il Bitto. Quindi le mele, la breasaola, il miele e i pizzoccheri.   

Nel settore sono impiegati alcune migliaia di lavoratori per un fatturato che si stima, per l’intera filiera agroalimentare, sui circa 400 milioni di euro nell’anno appena passato. “I nostri
punti di forza – ha sottolineato Del Nero -sono l’originalità del prodotto, il territorio, le tecniche di lavorazione e la tradizionalità; i punti critici il maggiore costo del
lavoro manuale, vista l’impossibilità di introdurre la meccanizzazione per esempio per il terrazzamento dei vigneti, compensato però dalla eccellenza dei prodotti”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento