Crisi: Alce, si alle biomasse a Fornoli

Crisi: Alce, si alle biomasse a Fornoli

Ok alla riconversione dell’Alce per garantire l’occupazione e l’indotto. Coldiretti, la maggiore organizzazione agricola del territorio (www.lucca.coldiretti), punta sulla riconversione della
cartaria Alce di Fornoli ad impianto di produzione di energia da biomasse per assicurare il futuro alle aziende agricole boschive – in tutto un centinaio – oggi “disoccupate” al pari dei 100
dipendenti dell’azienda. Il progetto proposto alla Provincia di Lucca per “salvare” l’ormai ex cartaria e i suoi lavoratori, piace a Coldiretti che chiede di “andare avanti e di proseguire
nell’iter che porterà alla riconversione dell’impianto produttivo” precisando però come sia importante anche “verificare l’eventuale impatto ambientale sul territorio” come
richiesto dai Comitati.

Quello boschivo è un indotto estremamente corposo per l’area che tradotto in numeri significa oltre 3 mila quintali di legname al giorno, circa 1 milione all’anno composto per la
maggior parte da tronchi di albero (castagno, pioppo, ontano e faggio) ma anche di ramaglie frutto della lavorazione dei pali. E centinaia di famiglie che “vivono” grazie al bosco. Secondo
Coldiretti attualmente l’energia prodotta nelle campagne produce solo il due per cento del totale ma stima che questa percentuale salirà all’8% entro il 2020. Oggi l’Italia importa energia
da fonti fossili per oltre l’80% del  fabbisogno, mentre il costo dell’energia elettrica è superiore del 30% rispetto a quello degli altri Paesi europei.

“Grande impulso verrà dato alla produzione di energia da biomassa – spiega Dina Pierotti, Presidente Provinciale Coldiretti – l’opportunità di creare una centrale a Fornoli, e di
conseguenza una filiera corta agro-energetica va in questa direzione. Il mondo agricolo può fare la sua parte anche in questo settore, e la farà. L’energia del futuro viene
dall’agricoltura”. Coldiretti spiega quali saranno i benefici. Oltre a produrre direttamente la materia prima, gli imprenditori agricoli possono trarre grande vantaggio dalla produzione e dalla
vendita di energia, con effetto di riduzione della dipendenza energetica e ricadute benefiche sulla bolletta energetica nazionale.

La diversificazione e integrazione delle fonti di reddito e la creazione di occupazione in zone marginali sono alcune tra le più importanti ricadute sociali, mentre a livello ambientale
sono fattori rilevanti sia la riduzione delle emissioni di gas inquinanti nell’atmosfera, che il potenziale ripristino della fertilità del terreno in ambienti marginali. “Dalla centrale a
biomasse può nascere una nuova economia – conclude il Direttore Provinciale, Francesco Ciarrocchi – può rappresentare un’opportunità di sviluppo di un settore che ha un forte
impatto di servizio alla collettività. Da qui nasce l’esigenza, da parte di tutti, di valutare bene, e attentamente, i benefici per l’occupazione e per la popolazione”.

Leggi Anche
Scrivi un commento