Emilia Romagna: Righi Surgelati ritorna “in Italia”

Emilia Romagna: Righi Surgelati ritorna “in Italia”

Reggio Emilia – E’ stata portata a termine in tempi record, due mesi, da un pool di banche composto da Banca Popolare dell’Emilia-Romagna e Banca di Credito Cooperativo di Cavola e
Sassuolo l’operazione di management buy out che ha riportato in mani italiane la Righi di Reggio Emilia (erbazzone e altri prodotti tipici surgelati venduti nella Grande distribuzione). Il piano
di rilancio della Righi, che fattura 10 milioni di euro, è stato valutato positivamente grazie al lavoro degli advisor (Global Strategy, Bocg, Studio Ricci) e dello studio Rtz di Reggio
Emilia (con Mirco Zucca).   

Il gruppo Royal Vessanen aveva rilevato la Righi nel 2005 dal fondatore (nel 1983) Leonardo Righi. La nuova proprietà è composta da un gruppo di sei manager italiani, guidati da
Marco Barbieri e Andrea Melioli. Barbieri, in Righi dal ’95, presiederà il nuovo CdA e manterrà l’incarico di direttore commerciale e marketing. Melioli, manager con consolidata
esperienza nel settore food, sarà vice presidente e amministratore delegato.   

L’operazione di vendita di Righi Surgelati da parte della multinazionale olandese Royal Wessanen (quotata in Borsa ad Amsterdam) si è conclusa a fine dicembre e ha visto il supporto del
team italiano di M&A International dello studio legale Arietti & Partners. La decisione di vendere era stata annunciata in maggio dal gruppo olandese, ma fino a ottobre non c’era una
soluzione concreta, e c’erano timori anche per i 40 posti di lavoro nello stabilimento reggiano.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento