Scoperto il gene dell’alcolismo

Scoperto il gene dell’alcolismo

La passione esagerata di un singolo per gli alcolici potrebbe essere almeno in parte legata alla presenza di un gene (o più correttamente, di un profilo genetico).

Questa la conclusione di una ricerca della Radboud University (di Nijmegen, Paesi Bassi), diretta dalla dottoressa Helle Larsen e pubblicata su “Psychological Science”.

Il team della dottoressa Larsen ha messo sotto indagine le varie versioni di un recettore del neurotrasmettitore dopamina, in grado di agire come controllore della percezione del piacere.

Gli studiosi si sono appoggiati a precedenti ricerche, che indicavano come una particolare variazione di tale recettore fosse legata ad una crescita del desiderio di alcol. Inoltre, tali
ricerche avevano mostrato come il recettore in questione offrisse sette ripetizioni della stessa sequenza di DNA.

La squadra della Radboud University ha così selezionato un gruppo di giovani adulti, al fine di verificare quanto la modifica genetica influisse sul comportamento concreto. I volontari
hanno così visionato sport pubblicitari della TV locale, dalle quattro del pomeriggio alle nove di sera. La visione avveniva in un ambiente che imitava il tipico pub olandese, fornito di
liquori liberamente accessibili. Infine, i soggetti sono stati sottoposti a prelievo del DNA, per verificare quale forma del recettore della dopamina.

Incrociando i dati degli esami, gli studiosi hanno scoperto come i possessori della versione a sette ripetizioni del recettore erano più inclini al bere quando vedevano agire in tal modo
i compagni. Diversamente, tale effetto imitativo non era presente in chi non possedeva tale profilo genetico.

Allora, concludono la dottoressa Larsen e compagni, chi possiede la versione incriminata del recettore è più sensibile alle bevute in compagnia.

La ricerca ha destato l’interesse del dottor Marc Galanter, psichiatra della New York University Langone Medical Center. Commenta Galanter: “La scoperta è molto significativa e dimostra
quanto la genetica determina le abitudini di consumo degli individui esposti ad altri bevitori”.

Fonte: Helle Larsen, Carmen S. van der Zwaluw, Geertjan Overbeek, Isabela Granic, Barbara Franke, Rutger C.M.E. Engels, “A Variable-Number-of-Tandem-Repeats Polymorphism in the Dopamine
D4 Receptor Gene Affects Social Adaptation of Alcohol Use: Investigation of a Gene-Environment Interaction Psychological Science”, Psychological Science, 2010; DOI: 10.1177/0956797610376654

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento