Nutrimento & nutriMENTE

Sanità: la sicurezza degli alimenti e il rischio obesità

By Redazione

Torino, 17 Ottobre 2007 – Un mix micidiale: pochissimo sport e molti cibi ricchi di grassi, zuccheri e conservanti, questa l’abbinata che fa lievitare il giro-vita degli italiani,
soprattutto dei più giovani; la paura è che i ragazzi di questa generazione, per la prima volta nella storia, potrebbero avere una vita più breve dei propri genitori per
colpa delle malattie causate dall’obesità e dal soprappeso.

Di questo e altro si discuterà nel talk show radiofonico «Sanità Informa» di giovedì 18 ottobre 2007, il programma dell’Assessorato alla tutela della salute e
sanità della Regione Piemonte, che rientra nel più ampio progetto di comunicazione e informazione rivolto ai cittadini, con appuntamenti quotidiani sulle ultime novità dal
mondo della ricerca, le attività di prevenzione, le liste d’attesa e l’accessibilità ai servizi sanitari.

«Sanità Informa», in diretta dalle 11.30 alle 12.00, andrà in onda in contemporanea sulle frequenze di Radio Grp, Radio Alfa Canavese, Radio Juke Box, Radio Dora,
Radio Frejus, Radio Nichelino Comunità, Tele Radio Savigliano, Radio Spazio 3, Radio Amica, Radio Monterosa (Valle d’Aosta), Radio Flash (Liguria) e sul satellite Hot Bird 13 gradi est
alla frequenza di 11200 mhz, e in differita su Radio Flash Torino, Radio Antenna Uno e Radio Gold.
In studio saranno presenti Augusta Palma, responsabile della Struttura complessa di dietetica e nutrizione clinica delle Molinette di Torino e Ugo Baldi, referente del settore regionale
vigilanza e controllo alimenti di origine animale, mentre in collegamento telefonico ci sarà Marcello Caputo del gruppo di coordinamento del progetto regionale «Sorveglianza e
prevenzione dell’obesità».

Le trasmissioni «Sanità Informa» sono promosse dall’Assessorato alla tutela della salute e sanità con il coordinamento dell’ufficio stampa della giunta regionale e
sono realizzate dall’Agenzia di stampa nazionale Mandragola.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: