Salute: Coldiretti, -30% depressi con dieta mediterranea “allunga vita”

Salute: Coldiretti, -30% depressi con dieta mediterranea “allunga vita”

Pane, pasta, frutta, verdura, olio extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti
regolari hanno consentito agli italiani – sottolinea la Coldiretti – di conquistare il record della longevità con una vita media di 78,6 anni per gli uomini e di 84,1 anni per le donne,
nettamente superiore alla media europea. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare lo studio realizzato su oltre 10mila persone che dimostra come i
fedeli della dieta mediterranea sono il 30 per cento meno vulnerabili alla depressione rispetto agli altri, pubblicato
sulla rivista Archives of General Psychiatry (Jama) e realizzato da un team di ricercatori spagnoli dell’Università di Las Palmas (Canarie) e dell’Università di Navarra a Pamplona.
La dieta mediterranea si è dimostrata più efficace di altre variabili come numeri dei figli, stile di vita o il carattere ansioso o competitivo, secondo lo studio che è stato
condotto per un periodo di ben sei anni.

L’effetto positivo per l’umore si aggiunge – sottolinea la Coldiretti – a quello per la salute, come dimostrano recenti studi pubblicati sul British Medical Journal secondo i quali la dieta
mediterranea – sottolinea la Coldiretti – riduce del 13 per cento l’incidenza del Parkinson e dell’Alzheimer, del 9 per cento quella per problemi cardiovascolari e del 6 per cento quella del
cancro.

La nuova conferma scientifica è un sostegno in più alla richiesta di riconoscimento della dieta mediterranea come patrimonio dell’umanità da tutelare rivolta l’Unesco, su
richiesta da Italia, Spagna, Grecia e Marocco e il sostegno dell’Unione Europea. Un obiettivo che – conclude la Coldiretti – ha un valore straordinario per l’Italia che è il Paese simbolo
di questo tipo di cucina e dove più radicata è la cultura alimentare fondata sui principi
della dieta mediterranea con primati raggiunti nelle principali produzioni base come la frutta, verdura, vino e pasta e il posto d’onore nella UE per l’olio di oliva, dietro la Spagna.

Leggi Anche
Scrivi un commento